La finanza può aiutare le imprese a crescere

 La finanza può aiutare le imprese a crescere

Dal 2006 Dedalus, sotto la guida dell’ad e fondatore Giorgio Moretti, si è distinta come polo aggregante nel settore del software sanitario, acquisendo e integrando alcune delle migliori aziende italiane dell’ICT sanitario. Consolidato il posizionamento in Italia, dal 2009 ha intrapreso un percorso di internazionalizzazione che ha visto il gruppo sbarcare in Cina, Sud Africa, Romania, Spagna e America Latina. Tra breve inizieranno le attività in Egitto e Arabia Saudita.
In particolare, grazie al supporto di Mandarin Capital Partners, socio dell’azienda dal 2010, Dedalus è riuscita a penetrare con successo nel mercato cinese dove oggi è presente con circa 150 professionisti.
Il Gruppo Dedalus – con sede a Firenze, circa 70 milioni di euro di ricavi, 17 di Ebitda – è così diventato la più grande azienda nazionale del settore, con attività in 12 Paesi nel mondo e oltre 900 addetti di cui 280 all’estero.
Ad affiancare l’azienda nel suo percorso di sviluppo sarà adesso Hutton Collins, investment company attiva nel Regno Unito e in Europa Continentale, che ha siglato un accordo con il Gruppo Dedalus finalizzato a un investimento di circa 50 milioni di euro nell’azienda fiorentina attraverso un finanziamento subordinato e l’ingresso nel capitale con una quota di minoranza.
Grazie a questa operazione il Gruppo dell’ICT sanitario avrà circa 25 milioni di capitale freschi da spendere nel processo di internazionalizzazione e per attuare un piano industriale che prevede che entro il 2016 il fatturato generato all’estero possa rappresentare circa il 30-40% del totale (oggi è il 15%).
«Sono certo – ha affermato Giorgio Moretti – che, grazie ai nostri nuovi partner di Hutton Collins, avremo maggiori possibilità di proporre le nostre soluzioni innovative, messe a punto in Italia (uno dei migliori sistemi sanitari del mondo), anche nei nuovi mercati che sono pronti a ricevere la nostra proposta culturale e tecnologica».

Il sistema-Italia è ancora attrattivo
L’operazione dimostra che in Italia ci sono aziende interessanti per investitori istituzionali come Hutton Collins, da sempre attento a individuare le eccellenze imprenditoriali che necessitano di un supporto finanziario e istituzionale per affrontare al meglio i mercati internazionali.
In un momento in cui le banche sono totalmente “ingessate” e hanno sostanzialmente bloccato il credito alle aziende e in particolare verso le pmi, l’esistenza di un nuovo “mercato dei capitali” rappresentato da fondi internazionali rappresenta una grande speranza per il nostro sistema imprenditoriale.
Ne è convinto Carlo Daveri (@carlo_daveri), presidente e chief executive officer di Dvr Capital, merchant bank che ha assistito Hutton Collins nell’operazione Dedalus: «L’ingresso di capitale straniero in aziende italiane che vogliono internazionalizzarsi secondo me è un ottimo segnale. Dimostra, infatti, che l’Italia rimane un Paese capace di attrarre investimenti esteri. Investitori come Hutton Collins sono realtà molto professionali che possono portare nelle aziende nelle quali investono cultura d’impresa e relazioni internazionali per aiutarle a internazionalizzarsi. E se un’azienda italiana cresce all’estero, le ricadute occupazionali ci sono anche nel nostro Paese».

Carlo A. Daveri, presidente e chief executive officer di Dvr Capital
Carlo A. Daveri, presidente e chief executive officer di Dvr Capital

All’estero, dunque, l’immagine delle nostre aziende è ancora attrattiva?
«Gli investitori esteri sono molto interessati alle aziende italiane, soprattutto a quelle che realizzano già una buona percentuale del proprio fatturato all’estero, evitando, così, la palude del nostro mercato interno che è da tempo depresso. All’estero si riconosce la capacità italiana di fare impresa e si apprezzano la creatività e le competenze manageriali presenti nelle nostre aziende. Insomma, se l’immagine della nostra politica all’estero è quanto meno “appannata”, le nostre imprese suscitano ancora interesse».

Nel caso del Gruppo Dedalus non si è manifestato, evidentemente, un difetto che spesso si imputa agli imprenditori italiani, cioè quello di essere molto gelosi della propria autonomia nel condurre la propria azienda.
«In questo caso c’è stato un imprenditore illuminato che ha capito per tempo quanto fosse importante reperire dei capitali che, uniti alle sue capacità imprenditoriali, accelerassero il processo di crescita dell’azienda. L’imprenditore ha compreso che gli strumenti finanziari sono un’opportunità per lo sviluppo dell’impresa, non un problema».

La storia di Dedalus è anche quella di un’azienda che è cresciuta mettendo insieme tante piccole realtà e facendone un Gruppo. È possibile, dunque, anche in Italia, superare la parcellizzazione di un sistema fatto di piccole imprese.
«Per farlo ci vogliono capacità imprenditoriali e capitali. Non è da tutti riuscire ad aggregare tante piccole realtà, tenere insieme un management composito. Per continuare il parallelo con la politica cui accennavo prima, se tra i diversi schieramenti e all’interno degli stessi partiti si stenta a trovare un’unità di intenti, nel mondo dell’impresa si è dimostrato che è possibile aggregare diverse imprese per crearne una più grande e competitiva. Alcuni talenti, come Giorgio Moretti, sono stati capaci di farlo. È questa, d’altronde, la strada obbligata, altrimenti le imprese rimarranno troppo piccole, non riusciranno ad attrarre management di qualità e, pian piano, usciranno dal mercato».

Come accennava prima, l’ingresso del fondo Hutton Collins nella società toscana è un esempio di come gli strumenti finanziari possono aiutare la crescita delle aziende. Secondo lei le imprese italiane sapranno instaurare un rapporto “virtuoso” con il mondo della finanza, trovando un canale di finanziamento alternativo a quello delle banche?
«La finanza ha spesso una cattiva fama, a volte meritata. In generale, però, può essere molto utile per gli imprenditori perché, se li capisce e gli parla con il loro stesso linguaggio, può mettergli a disposizione competenze e relazioni necessarie per sviluppare le aziende. Una parte del mondo della finanza oggi ha capito che è importante investire nell’impresa non per “spolparla” ricavandone una plusvalenza a esclusivo beneficio dell’investitore finanziario. Gli investitori finanziari più avveduti vogliono certamente avere un ritorno dai loro investimenti, ma ottenendolo dalla crescita dell’azienda e non dalla mera operazione finanziaria. Avendo a disposizione – come dimostra anche il caso del Gruppo Dedalus – investitori finanziari “illuminati”, gli imprenditori dovrebbero rivolgersi a questi, lasciando al canale di finanziamento bancario un ruolo marginale. Il credito bancario, infatti, è uno strumento accessorio che può servire per ottimizzare lo sviluppo aziendale, ma guai a finanziare lo sviluppo solo con il credito bancario».

Le imprese come possono rendersi più attrattive per gli investitori internazionali?
«È necessario avere i conti in ordine, una gestione efficiente del personale aziendale. Ma questi sono quasi dettagli rispetto al requisito fondamentale: una strategia chiara, un progetto ben definito di sviluppo. È fondamentale, infine, che il management che propone a un terzo di investire nell’azienda dia la sensazione che il partner sia gradito. A volte, infatti, succede che, abituati alla “passività” del finanziamento bancario, gli imprenditori lascino ai nuovi partner l’impressione di volere i loro soldi, ma di non voler condividere nulla della conduzione dell’azienda e del suo progetto di sviluppo. Con i partner, invece, bisogna dialogare, pronti ad accettare i loro contributi».

Dario Vascellaro

Direttore responsabile de Il Giornale delle PMI

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.