Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

La rivoluzione delle risorse umane è in atto: ecco le startup italiane che stanno cambiando il modo di assumere e formare il personale nelle aziende

I dati sulla disoccupazione giovanile in Italia sono chiari: più del 30% dei giovani tra i 15 e 24 anni non ha lavoro e allo stesso tempo, il 31% delle aziende italiane ha difficoltà nel trovare i candidati giusti e quando li trovano, la selezione può durare anche 36 giorni, contro i 24 giorni delle aziende statunitensi.

Contemporaneamente, le nuove tecnologie e l’automazione stanno cambiando il tipo di competenze richieste per essere dei candidati modello per un ruolo, rendendo ancora più difficoltoso non solo il processo di selezione ma anche il raggiungimento di quelle competenze che ancora stentano ad essere insegnate nei cicli di studio universitari e infatti il 39% dei lavoratori italiani non sono compatibili con le qualifiche del loro impiego.

Ma il cambiamento è in atto: i professionisti delle risorse umane, stanno integrando il tradizionale modello di selezione con tecnologie più accurate che rendono i processi di selezione e gestione delle risorse umane più veloci, trasparenti e più in linea con le necessità del mercato del lavoro.

Le startup italiane che stanno portando il cambiamento nelle risorse umane: l’ebook di Startup Geeks

Tra le centinaia di startup che operano nel panorama italiano delle risorse umane, Startup Geeks, la community dedicata alle startup italiane, insieme a Techyon, boutique di head hunting di profili IT, ha selezionato le migliori, quelle che hanno già fatto qualcosa di concreto per migliorare l’intero ecosistema dei processi di selezione e gestione del personale.

Per facilitare la lettura, le oltre 60 startup selezionate sono state divise per area di competenza a seconda del lavoro svolto fino ad ora:

  • training & development
  • recruitment & employer branding
  • welfare
  • software

Se le startup dell’ambito training & development aiutano i candidati a formarsi e a prepararsi al meglio ai colloqui di lavoro e alle mansioni lavorative, quelle del recruitment & employer branding invece utilizzano tecniche alternative alla selezione tradizionale e aiutano le aziende a migliorare la loro capacità di attrarre e trattenere i talenti; si occupano del welfare, invece, tutte quelle startup che mirano a migliorare la qualità della vita sul posto di lavoro e la soddisfazione del personale. Chiudono le startup che sviluppano software per analizzare i dati provenienti dai team, elaborarli e creare una visione più completa della salute dell’azienda al suo interno, al fine di migliorarla.

Cosa sta cambiando e cosa cambierà nella gestione delle risorse umane: qualche esempio di oggi e previsioni del domani

Sono molte le startup che portano avanti la rivoluzione della selezione e della gestione delle risorse umane già da molti anni, ma quali sono i cambiamenti tangibili che stanno apportando al mondo del lavoro?

Prima di tutto la formazione: Start2impact, ad esempio, è una startup innovativa a vocazione sociale che affianca i giovanissimi (dai 16 anni, in avanti) nella costruzione di competenze pratiche e già spendibili nel mondo del lavoro, mentre OfCourseMe consente ai dipendenti di personalizzare il proprio percorso formativo grazie all’indicizzazione e aggregazione dei contenuti formativi online.

Per quanto riguarda la selezione del personale e l’employer branding ci sono piattaforme come SkillsJobs, che permette di far incontrare recruiter e candidati grazie ad un sistema che crea il match perfetto tra l’esperienza e la competenza del candidato e la richiesta del profilo dell’azienda.

Infine, per il welfare dell’azienda, ci sono realtà come Healty Virtuoso che spronano i dipendenti delle aziende a condurre una vita più sana e attiva o come HR Coffee che mette in collegamento tutti i dipendenti di un’azienda aiutandoli a incrementare non solo la produttività ma anche le relazioni interpersonali, generando allo stesso tempo insights utili per le decisioni strategiche aziendali.

Grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie, queste startup italiane stanno cambiando anche il modo stesso di vivere all’interno di un’azienda, sia come professionista che come persona, creando un ambiente di lavoro sano, positivo e formato da persone estremamente competenti.

Dal 6 settembre è possibile scaricare gratuitamente l’ebook “Le migliori startup per trovare lavoro e migliorare i processi HR” scritto da Startup Geeks, insieme a Techyon e grazie al contributo degli sponsor Qonto, Digitalpr.pro e Keliweb, al seguente link: https://www.startupgeeks.it/startup-risorse-umane-ebook/

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.