Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

La successione aziendale migliore è quella che sacrifica il primogenito

Business vector created by freepik – www.freepik.com

Come Abramo e Cefeo, disposti a sacrificare i loro primogeniti Isacco e Andromeda, gli imprenditori familiari dovrebbero essere pronti a sacrificare i loro figli maggiori, passando la guida della loro azienda a qualche altro membro della famiglia.

In un recente articolo, Alessandro Minichilli e Mario Daniele Amore della Bocconi, insieme ad Andrea Calabrò (Ipag Business School) e Marina Brogi (Università La Sapienza), concludono che l’abitudine di trasferire l’azienda di famiglia al primogenito si rivela la peggiore opzione per l’impresa. La scelta di un secondo o successivo figlio aumenta in modo significativo i risultati post-successione dell’impresa, con un rendimento delle attività (Roa, return on assets) superiore del 39% rispetto a quello delle imprese guidate da un primogenito.

Inoltre, la selezione di un non primogenito si rivela una scelta migliore rispetto alla selezione di un leader esterno. In altre parole, quella che potrebbe essere considerata una scelta nepotistica può essere vantaggiosa per l’azienda, se fatta nell’ambito di un pool familiare abbastanza ampio.

Infine, l’effetto positivo della selezione di un fratello non primogenito è più forte nelle successioni di generazioni successive alla prima che in quelle dei fondatori. Questo è probabilmente dovuto ad un più ampio gruppo di candidati familiari e a pratiche di selezione più formalizzate, che garantiscono la migliore scelta possibile.

“I risultati dello studio suggeriscono che gli imprenditori familiari devono avere il coraggio di infrangere la regola della primogenitura se vogliono trovare il candidato giusto per la successione”, dice Minichilli.

Quando il capo di un’azienda familiare si dimette, il primogenito sembra essere la scelta naturale per la successione. “In una situazione difficile, piena di emozioni e di potenziali conflitti, la regola della primogenitura combina la sopravvivenza della dinastia familiare con il vantaggio di seguire una norma sociale consolidata, difficile da mettere in discussione”, spiega Amore, “ma il coraggio di scegliere paga”.

Gli autori conducono la loro analisi empirica su un dataset delle aziende familiari italiane che hanno visto una successione dal 2000 al 2012. Indagando anche il ruolo della cosiddetta ricchezza socio-emotiva (lo stock di valore affettivo che la famiglia ha investito nell’azienda) nella selezione di un nuovo leader, concludono che la probabilità di seguire la regola della primogenitura aumenta quando la dotazione di ricchezza socio-emotiva di una famiglia è elevata e che una performance aziendale insoddisfacente prima della successione aumenta la probabilità di scegliere un primogenito, in quanto i motivi socioemotivi prevalgono soprattutto se l’impresa è in una situazione di vulnerabilità.

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.