Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Lavoro: convinta partecipazione delle associazioni imprenditoriali al Piano italiano sulla "Garanzia Giovani"

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini, ha incontrato per la seconda volta le associazioni datoriali per illustrare il piano italiano di attuazione della Garanzia Giovani, il programma per favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro. L’incontro di ieri, al quale hanno partecipato una ventina di associazioni di imprese, ha consentito di confrontarsi sulle linee operative del piano sviluppato dal Governo e dalle Regioni e inviato la settimana scorsa a Bruxelles per la valutazione in termini di coerenza e completezza con la raccomandazione sulla “Youth Guarantee”.

«La riunione ha registrato una convinta adesione al progetto da parte di tutte le associazioni, che hanno apprezzato molto l’organicità e l’ampiezza del piano, il quale ha tenuto conto anche delle proposte da esse formulate nelle settimane scorse», ha commentato il Ministro Giovannini, esprimendo soddisfazione per l’interesse e lo spirito collaborativo con cui le parti coinvolte stanno fornendo il loro contributo. «Nei prossimi giorni lavoreremo alla stesura di un protocollo attraverso il quale dare ulteriore concretezza all’impegno delle imprese italiane per lo sviluppo dell’occupazione giovanile. Inoltre, convocherò di nuovo anche i sindacati, le associazioni giovanili e del Terzo Settore per realizzare un percorso analogo».

Il piano italiano è stato realizzato grazie all’azione della Struttura di Missione istituita presso il Ministero del Lavoro, cui partecipano il MIUR, il MISE, il Dipartimento della gioventù, le Regioni e province autonome, le province, l’Unioncamere, l’INPS, il MEF e le agenzie tecniche del ministero del lavoro: ISFOL e Italia Lavoro. Le azioni previste dal Piano verranno realizzate a partire dal 2014, a valere sulle risorse (circa 1,5 miliardi di euro da concentrare nel biennio 2014-2015) derivanti dai fondi europei e dal cofinanziamento nazionale.

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.