Le medie imprese italiane e il percorso verso l’accelerazione digitale

 Le medie imprese italiane e il percorso verso l’accelerazione digitale

Come per altri paesi dell’Unione Europea (UE), le piccole e medie imprese (PMI) italiane hanno un ruolo sempre più importante da svolgere nella crescita dell’economia. Le PMI in Italia sono circa 4,3 milioni, pari all’80% dell’occupazione totale del Paese. Secondo il rapporto “La digitalizzazione delle piccole e medie imprese in Italia”, la produttività delle PMI italiane è inferiore alla media dell’UE e dei suoi omologhi più vicini Francia e Germania.

Mentre gli esperti indicano una serie di ragioni per questo divario di produttività, uno dei fattori più convincenti sembra essere il basso livello di digitalizzazione delle PMI italiane. L’Italia è al 25° posto su 28 paesi nel Digital Economy and Society Index (DESI); tra le cinque componenti di questo indice, l’Italia si colloca al 28° posto su 28 nella categoria “Human Capital”. Il nostro paese ha un punteggio basso anche nel Digital Intensity Index, per il quale si colloca al 21° posto su 28 circa il 40% delle aziende italiane sembra aver effettuato investimenti molto modesti nelle tecnologie digitali.

È giunta l’ora per le medie imprese italiane

L’Italia è stata colpita dall’effetto COVID-19 più duramente della maggior parte dei paesi, con gravi ripercussioni su un sistema sociale ed economico che già presentava problemi strutturali di lungo periodo. L’economia italiana è rimasta indietro rispetto ai paesi di pari livello negli ultimi due decenni (si veda il tasso di crescita annuale composto dei fattori di produttività totale per gli anni 2007-2016), con investimenti in R&S molto al di sotto della media UE. Questa situazione ha contribuito a una stagnazione dei salari, a una bassa occupazione e alla mancanza di opportunità per i giovani che hanno lasciato il paese sempre più negli ultimi 10 anni.

Come con la maggior parte delle organizzazioni, la pandemia ha accelerato il ritmo dell’adozione digitale, come riportato dall’86% degli intervistati italiani in un sondaggio commissionato da Dell Technologies tra aziende di medie e grandi dimensioni le quali affermano di aver accelerato i piani di trasformazione digitale nel 2020, sopra la media europea del 75%.

Sottolineo che la pandemia ha costretto le aziende italiane a confrontarsi con l’enorme divario digitale del Paese. Ci è voluta una crisi globale per mostrare alle medie imprese che il momento dell’accelerazione digitale è ora. Non si torna indietro.

La trasformazione digitale offre molti vantaggi, sia per il business sia a livello macro-economico. Una ricerca del Politecnico di Milano mostra che l’Italia potrebbe aggiungere in media 1,9 punti percentuali all’anno alla crescita del PIL se le sue piccole e medie imprese (PMI) colmassero un divario del 40% rispetto ai colleghi spagnoli misurato da indicatori che vanno dalle capacità di e-commerce o fatturazione elettronica per utilizzo big data.

Medie imprese che si avviano verso il cloud

Per molte aziende di medie dimensioni, la transizione al cloud è stata un’area di business specifica stimolata dalla pandemia di COVID-19. I dati del Politecnico indicano un balzo del 42% nei servizi cloud per le PMI italiane, poiché i lavoratori da remoto sono aumentati di 11,5 volte a 6,6 milioni. La digitalizzazione dei sistemi, inclusa la pianificazione delle risorse aziendali (ERP), è diventata fondamentale per l’esecuzione delle operazioni in remoto e l’adattamento dei modelli di business al panorama aziendale in evoluzione.

Ma contemporaneamente, per le medie imprese con sistemi ERP esistenti, i limiti, sia on-site sia nel cloud, sono diventati evidenti. Dai processi rigidi ai dati frammentati e altro ancora, le soluzioni ERP che un tempo erano i segni distintivi dei sistemi aziendali principali hanno dimostrato di non avere l’agilità per affrontare il cambiamento e sostenere l’innovazione in un mercato in evoluzione.

Ora è ovvio che anche le PMI necessitano e traggono vantaggio dal cloud di enterprise management in quanto è una nuova classe di soluzioni più veloce, più intelligente e più agile che le consente di funzionare al meglio e fornire risultati straordinari.

Al contrario, le aziende devono migliorare e modificare i propri sistemi e processi per allinearli al raggiungimento degli obiettivi di business nell’era digitale. Ciò richiede un sistema con una dorsale, come in una dorsale digitale, con un data core intelligente.

Il costo del non fare niente

Le aziende spesso abbracciano il cambiamento quando effettivamente trasformare e affrontare quel processo è in realtà meno doloroso rispetto al non fare nulla e mantenere le situazioni invariate. Questa volta, quel dolore si è verificato essere una pandemia globale.

Ma qual è il vero costo del non fare nulla? Secondo uno studio McKinsey, il 67% delle organizzazioni ha affermato di perdere terreno rispetto ai concorrenti a causa della mancanza di capacità digitali e temeva che potessero diventare irrilevanti se non si adattano e si adattano presto.

Inoltre, un sondaggio globale che copre 13 settori commissionato da Workday e condotto da Longitude evidenzia che più della metà dei leader (55%) afferma che la strategia digitale della propria organizzazione è spesso o sempre superata dalle esigenze del business. Solo il 41% delle aziende afferma che la propria strategia digitale consente loro di tenere il passo o superare le esigenze del business in ogni momento. Possiamo vedere come la pandemia abbia già costretto molte organizzazioni a rivedere le proprie strutture interne, ma è un focus sull’accessibilità dei dati che potrebbe essere la chiave per una trasformazione digitale rapida e sostenibile.

In un’intervista con Reuters, Diego Ciulli, senior public policy manager di Google, ha avvertito che non riuscire a colmare il divario digitale dell’Italia quando i consumatori a livello globale si sono già rivolti ai canali online sarebbe più di un’occasione persa. Ciulli ha affermato: “Se i produttori di vino italiani aspettano la ripresa delle fiere per trovare nuovi clienti esteri, mentre quelli francesi sono davvero bravi a vendere il loro vino online non perdi solo la possibilità di crescere, perdi quote di mercato”.

Fortunatamente, negli ultimi 18 mesi, Workday ha visto centinaia di aziende europee rendersi conto che i loro vecchi sistemi di registrazione, basati su piattaforme tecnologiche obsolete, non potevano rispondere alle sfide di un blocco globale e alla necessità fondamentale di gestire la propria attività da remoto.

Per apportare un esempio vicino a noi, in Francia, ad esempio, le medie imprese, come ContentSquare, Jellysmack, IAD, – tutti i clienti di Workday – stanno affrontando la sfida con successo. A loro si uniscono nella comunità di Workday le società tedesche, tra cui Daimler e Delivery Hero, nonché le società britanniche Just Eat e Schroders Personal Wealth che sono allo stesso modo eccezionali.

Mentre continuiamo a supportare la crescita di Workday in Europa, con ulteriore supporto per le medie imprese italiane, ci impegniamo a incontrare i nostri clienti dove si trovano nel loro viaggio digitale al posto di predicare dove pensiamo che dovrebbero essere. Mentre l’Italia continua la sua evoluzione digitale, Workday sarà un partner fidato per le organizzazioni trasformative in un mondo tutt’altro che certo. I nostri clienti di medie dimensioni in Italia come Cerved e Illimity, che coprono diversi settori, sono già un passo avanti nell’affrontare la sfida dell’accelerazione digitale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.