Le sanzioni ‘gonfiate’ dal Fisco

 Le sanzioni ‘gonfiate’ dal Fisco

Negli ultimi anni, sempre più frequentemente, i contribuenti ricevono da parte del Fisco intimazioni di pagamento aventi ad oggetto la riscossione di sanzioni fiscali che risultano ‘gonfiate’ in maniera significativa in virtù di un’illegittima applicazione degli interessi di mora.

Il legislatore, su questo tema non lascia spazio a dubbi, difatti nell’art. 2 comma 3 del D.Lgs. n. 472/97 viene disposto che “La somma irrogata a titolo di sanzione non produce interessi”. Nonostante la chiarezza del disposto normativo, la pretesa illegittima è pervenuta a un contribuente salentino al quale è stata notificata un’intimazione di pagamento per debiti d’imposta e sanzioni. A ben vedere tale somma era comprensiva, appunto, di interessi di mora illegittimi.

A porre rimedio all’operato dell’Amministrazione è intervenuta la Commissione Tributaria Provinciale di Lecce, la quale, con sentenza n.2226/19 passata in giudicato nei mesi scorsi, ha dichiarato illegittimi gli interessi sulle sanzioni per circa 9.000 euro così come calcolate dall’Amministrazione (sentenza n.2226/19 della CTP di Lecce liberamente visibile su www.studiolegalesances.it – sez. Documenti).

La Commissione Tributaria, inoltre, nel dichiarare l’illegittimità di tale prassi richiama non solo il predetto art. 2 del D.Lgs. n.472/97 ma anche l’art. 30 del D.P.R. n.602/73, il quale prevede che: “decorso inutilmente il termine di 60 giorni dalla data di notifica della cartella di pagamento, sulle somme iscritte a ruolo, escluse le sanzioni pecuniarie tributarie e gli interessi, si applicano, a partire dalla data della notifica della cartella e fino alla data del pagamento, gli interessi di mora al tasso […]”.  

I Giudici dunque, oltre ad annullare gli interessi di mora sulle sanzioni ribadiscono ancora una volta l’illegittimità degli interessi anatocistici in ambito tributario (ossia gli “interessi su interessi”).

Dott.ssa Sara Fontò
Avv. Matteo Sances
www.centrostudisances.it

Sara Fontò e Matteo Sances

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.