Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Leadership con valore

Leadership-2

[dropcap]A[/dropcap]ll’interno delle aziende vi deve essere un positivo ritmo di lavoro che, combinato a una buona ed efficace guida, genera risultati apprezzabili. Si sostiene da più parti che la guida, ossia la leadership debba essere gestita nella sua unicità, anche se spesso si solleva l’esigenza di dover essere leader nelle differenti situazioni in cui è necessario essere guida per gli altri in team più piccoli o a gruppi ristretti. Essere leader nei differenti contesti lavorativi significa operare sulle competenze, atteggiamenti e valori che possono contribuire allo sviluppo del potenziale umano. La maggior parte dei lavoratori non ha costanti e continui contatti diretti con il leader carismatico dell’azienda e nel day by day emergono leader che sono necessari come guide autorevoli dal punto di vista decisionale, di ascolto e che integrano in modo efficace managerialità e leadership nella operatività, esecutività e consecutività dei compiti.

Alcune persone dotate di talento, o per indole individuale, hanno doti di leadership naturali, altri le sviluppano in relazione ai compiti assegnati partecipando a training specifici e possono trovare in questa direzione la propria dimensione manageriale.

Siamo tuttavia circondati da forme di leadership positive e altre negative che emulano comportamenti distruttivi piuttosto che costruttivi. Sono questi gli esempi di leadership che si vorrebbero dimenticare, basati sul raggiro e sulla manipolazione.

Il leader Coach è colui che ha cuore, investe sulle proprie risorse per farle crescere, si impegna ad essere una guida discreta e di valore: si impegna per potenziare le skills e opera per condividere i valori aziendali in una ottica di sviluppo futuro.

Sono i valori condivisi che creano una sostanziale differenza nella gestione della leadership e sono quelli che segnano un profondo cambiamento, nella prassi, negli atteggiamenti, nella comunicazione, nell’etica e nelle relazioni interne ed estere con i differenti stakeholders.

I valori aggregano, mettono in comune obiettivi e mezzi e permettono una combinazione sinergica di alta qualità per ottenere i migliori risultati, sia in obiettivi di breve che di medio lungo termine.

Si ha la sensazione che la leadership valoriale sia dotata anche di una profonda etica dove si mettano al centro dell’attività economica le persone, i lavoratori, i consumatori, e se mancano questi ultimi in azienda non si può parlare di business.

I veri leader si contraddistinguono per essere ostinati e determinati, nonché resilienti in funzione dei risultati da ottenere, dei sacrifici individuali da sostenere e benefici in grado di creare. I leader di valore hanno la tendenza a condividere il meglio e vogliono ottenere il massimo, sono degli esperti motivatori e hanno un ottimismo razionale che permette di superare gli ostacoli identificando in essi delle opportunità di crescita.

Al leader valoriale, piace partire dal valore che può dare o creare, prima di focalizzarsi sul valore atteso o che riceva dagli altri all’interno dell’azienda o del team. In generale provano un elevato amore per il lavoro che svolgono e il piacere e la passione riposta nel lavoro valicano la dimensione individuale per proiettarsi su quella collettiva generando dei team di successo.

Il leader di valore, ha molte delle caratteristiche di seguito indicate:

  • è onesto;
  • è capace di generare emozioni;
  • è credibile;
  • è ottimista;
  • è una guida che sa aspettare e veder crescere la consapevolezza del team;
  • sa lavorare in team;
  • sa ascoltare;
  • sa essere positivo e propositivo con gli altri;
  • sa considerare quello che è urgente, importante, essenziale dal punto di vista decisionale;
  • prova interesse per quella che fa;
  • il leader di valore è consapevole che, se vi è una vittoria, i risultati ottenuti sono il frutto del lavoro di tutte le persone, quindi è consapevole di non essere da solo in azienda.

Oggi chi guida deve essere in grado di fungere da esempio positivo per la comunità/collettività/team di riferimento, non può abdicare ad altri il suo ruolo e deve essere profondamente consapevole delle proprie azioni, decisioni e risultati che vuole ottenere. Il suo esempio e dedizione al lavoro, così come la capacità di mantenere una sfera emotiva, empatica e di cuore permette di fare scelte giuste integrando un mix di intuito, esperienza, sentimento e razionalità.

Nelle pmi l’imprenditore è la guida, è il leader e se abdica è in bilico la sopravvivenza dell’azienda, le scelte e la visione del futuro. In questi casi i valori fondanti sono l’onestà e l’essere al centro della situazione, ossia essere presente e visibile.

I valori che trasmettono i leader vanno oltre le normali regole del fare per coinvolgere le persone con atteggiamenti di speranza, la legittimazione di azioni giuste e corrette e la credibilità della propria expertise.

In sintesi il leader valoriale è quello che crea i valori di riferimento per la sua azienda, ci crede, li trasforma, fa appello all’immaginazione e al ruolo del gruppo e al suo buonsenso per cui nulla è impossibile, ma tutto appare realizzabile con risultati personali e aziendali che possono diventare anche duraturi e, prima di essere riconosciuto per i valori di leadership che esprime, riconosce a tutti il proprio ruolo e identifica i follower per il contributo dato per aver lavorato, centrato gli obiettivi e aver mantenuto una condotta etica e di qualità di indiscusso valore per i risultati futuri dell’impresa.

Teresa Tardia
http://www.ttardia.it/
it.linkedin.com/pub/teresa-tardia/54/ba9/a18
teresa@ttardia.it

avatar

Teresa Tardia

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.