Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

L’headline del profilo LinkedIn: il vero biglietto da visita digitale

Perché LinkedIn rappresenta un canale di opportunità di Business unico? Perché con oltre 560 milioni di iscritti nel mondo e oltre 12 milioni di iscritti in Italia, è il n.1 nella distribuzione del contenuto e nella generazione dei contatti B2B. Il 65% delle aziende B2B, infatti, afferma che grazie questo social sono riuscite ad acquisire nuovi clienti.

LinkedIn non è quindi solo un canale dedicato al mondo HR. È molto di più, è un’occasione unica per mettersi in contatto con professionisti di ogni parte del mondo, per perseguire i propri obiettivi di business o di carriera.

Partiamo da un concetto fondamentale: il profilo LinkedIn non è un CV, ma l’espressione più concreta di una reputation professionale online.

Come ogni buon commerciale saprà, la prima impressione è quella che conta di più. Anche online.

Come ottenere, perciò, l’attenzione dei prospect nel modo più efficace possibile?

In questo caso non parliamo della qualità e della professionalità della foto profilo di LinkedIn, sicuramente un altro parametro irrinunciabile.

In questo articolo si parlerà dell’headline del profilo, il primo passo per dotarsi del “miglior vestito” digitale per far colpo sulla propria audience, spiccando tra tanti professionisti in rete.

Che cos’è l’headline del profilo LinkedIn

L’headline di LinkedIn è quella sezione che si trova nella parte superiore del profilo e che permette di descrivere quello che facciamo in 120 caratteri. Questa sezione è altamente strategica, perché appare accanto al nome del profilo nei risultati delle ricerche.

L’obiettivo dell’headline, in sostanza, è far cliccare sul profilo la persona che sta cercando un professionista come voi o una soluzione alle sue esigenze professionali, esprimendo fin da subito il tipo di professionalità e la proposta di valore del profilo ricercato. 

Come costruire l’headline di LinkedIn in modo efficace

Evitare di customizzare l’headline del profilo di LinkedIn, non porta nessuna penalizzazione in termini di visibilità, ma sicuramente non ne garantisce nessun plus e nessuna capacità di riuscire a far comprendere qual è il nostro lavoro (oltre al job title) e il nostro valore. In questo caso l’headline esprimerà soltanto il job title e il collegamento con l’azienda in cui si lavora.

Per costruire efficacemente l’headline sarà necessario rispondere a queste domande:

1) Che livello di esperienza abbiamo?

Siamo degli Specialist? Dei Manager? Senior? Junior? La risposta darà già tante indicazioni

2) Qual è il nostro target?

Nello specifico significa subito far sapere che tipo di clienti abbiamo e che tipo di professionista aiutiamo nel risolvere le sue problematiche/necessità

3) Cosa facciamo nel nostro lavoro?

Il punto cardine dell’headline: spiegare in una frase e non con una posizione o un titolo il lavoro che si svolge. Un esempio? Ecco come si può estendere la posizione di un Sales Representative: “aiuto i professionisti IT a fornire supporto ovunque e in qualsiasi momento”. Oppure un Consulente: “supporto le aziende a raggiungere i propri obiettivi di business e a migliorare la loro efficienza”, o ancora una figura commerciale in “Entusiasmo e convinco anche il più scettico dei clienti

4) Che benefici portiamo? Ovvero la value proposition della nostra professione. Concetto che si può già desumere nel punto precedente.

Un esempio di headline efficace su LinkedIn

Montiamo i quattro punti con un esempio concreto.

Prendiamo una figura come il Content Strategist, ovvero un professionista che sviluppa la strategia della produzione editoriale per determinati obiettivi di business.

1) Livello di esperienza: in questo caso sceglieremo un Senior, una persona con più di 5 anni di esperienza nel settore.

2) Target: le piccole e medie imprese.

3) Attività: creare i contenuti che attraggono e ingaggiano i clienti.

4) Benefici: con la sua attività riesce ad aumentare i contatti del 50% in più rispetto al punto di partenza.

Risultato: Senior Content Strategist | Aiuto le PMI nel creare i contenuti per raddoppiare il tasso di attrattività e d’ingaggio dei clienti.

Non suona molto meglio? In questo caso si capisce subito cosa fa e quali benefici riesca a portare un professionista del genere.

Consigli per l’headline di LinkedIn

Prima di costruire un headline efficace è importante avere bene in mente il nostro target. E’ importante parlare la sua lingua, capirne i bisogni e le dinamiche del suo settore.

Se abbiamo raggiunto dei successi in un determinato campo, degni di nota, allora sarebbe opportuno menzionarli nell’headline, cercando di rimanere sempre nei 120 caratteri.

L’obiettivo più importante, bisogna ricordarsi, è quello di catturare l’attenzione del nostro cliente tipo spiegando finda subito cosa si fa e che proposta di valore portiamo, emergendo in questo modo dal resto della concorrenza.

Paolo Del Monte

Paolo Del Monte

Consulente e formatore LinkedIn Sales & Marketing, Millennial, con un background in Relazioni Internazionali e Digital Marketing, offre soluzioni per professionisti e aziende per raggiungere obiettivi Sales&Marketing grazie a LinkedIn.Collabora attivamente con Emooc, Thinkin e Daity. Sito web https://paolodelmonte.com/, Email hello@paolodelmonte.com

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.