Luci ed ombre per i poli tecnologici laziali nel terzo trimestre 2016

 Luci ed ombre per i poli tecnologici laziali nel terzo trimestre 2016

Quadro a luci ed ombre per i poli tecnologici laziali nel terzo trimestre 2016; ai segnali negativi del polo farmaceutico e dell’ICT infatti, si contrappone un balzo dell’export del polo aeronautico romano. Scenario invece positivo per entrambi i distretti tradizionali che registrano ottimi risultati.

Dal Monitor dei Poli Tecnologici del Lazio realizzato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo emerge un calo delle esportazioni dei poli tecnologici laziali dello 0,2% rispetto al medesimo periodo del 2015. Nel terzo trimestre il polo farmaceutico ha registrato un calo del 9,7% a causa di una forte decelerazione delle vendite verso il Belgio nonostante i brillanti risultati registrati in Germania, Francia, Paesi Bassi e Stati Uniti che confermano la capacità del polo laziale di competere sui mercati internazionali. Dopo la performance positiva del secondo trimestre, torna in territorio negativo invece l’export del polo ICT (-12,6%) con una dinamica peggiore alla media dei poli ICT italiani (-8,5%). Prosegue invece il trend positivo del polo aeronautico le cui esportazioni nei primi nove mesi hanno superato gli 800 milioni di euro, in netta crescita rispetto al medesimo periodo del 2015.

Dati positivi emergono dai distretti tradizionali. Continua la buona performance del distretto di Civita Castellana (+8,5%), trainata in particolar modo da Germania, Svizzera e Regno Unito. Nonostante un quadro in miglioramento i livelli pre-crisi sono però ancora lontani. Bene anche il distretto ortofrutticolo dell’Agro Pontino con un aumento del 44,7% grazie soprattutto alla Germania, principale mercato di sbocco.

Dopo un brillante avvio d’anno si osserva una decelerazione dell’export regionale, in linea con il trend osservato a livello nazionale. Nel complesso però nei primi nove mesi dell’anno, grazie all’ottimo risultato del primo trimestre, le esportazioni hanno raggiunto 6,8 miliardi di euro, in crescita del 6,3%. rispetto ai primi nove mesi del 2015.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.