Markit PMI: il settore manifatturiero italiano chiude il secondo trimestre con risultati positivi

 Markit PMI: il settore manifatturiero italiano chiude il secondo trimestre con risultati positivi

Il settore manifatturiero italiano ha registrato valori sostenuti alla fine del secondo trimestre, con crescita della produzione in aumento grazie a livelli robusti di ordini dall’estero. Anche i livelli occupazionali sono aumentati in un clima di ripresa di ottimismo riguardo agli affari, mentre le pressioni inflazionistiche hanno mostrato nuovi segni di rallentamento con i prezzi d’acquisto e quelli di vendita in aumento ai tassi più lenti rispettivamente in otto e sei mesi.

Il valore principale dell’Indice PMI® (Purchasing Managers Index®) IHS Markit del settore manifatturiero italiano, che con un’unica cifra mostra le condizioni generali del settore, ha registrato a giugno 55.2. Questo risultato, simile al 55.1 di maggio, ha concluso il miglior trimestre in oltre sei anni.

La crescita della produzione manifatturiera si è ripresa a giugno, dopo che a metà del secondo trimestre aveva toccato il livello minimo su quattro mesi. Alla base di questo miglioramento c’è stata una ripresa nel settore dei beni di consumo.

Il forte incremento della produzione è stato sostenuto dalla crescita degli ordini ricevuti dai produttori manifatturieri, che sono adesso in aumento da dieci mesi consecutivi. L’indagine ha indicato che la maggiore domanda dall’estero è stato il fattore principale, infatti il livello dei nuovi ordini di beni destinati all’esportazione è salito al tasso più rapido in oltre due anni.

Ci sono state nuove assunzioni durante il mese di giugno per far fronte agli aumenti della produzione dovuti ai nuovi ordini. Il tasso di creazione occupazionale è rimasto sostenuto rispetto agli standard storici anche se ha rallentato fino a raggiungere il valore più debole da gennaio.

Nel frattempo le aziende hanno registrato a giugno un aumento dei livelli di lavoro inevaso per la quarta volta in cinque mesi, anche se il tasso di accumulo è stato solo marginale.

La ripresa del carico di lavoro ha anche spinto le aziende ad aumentare le quantità degli acquisti a giugno e il tasso è infatti risultato il secondo più rapido in oltre sei anni, dopo il recente record di aprile. Le giacenze degli acquisti hanno continuato a diminuire per il sesto mese consecutivo, ma il tasso di contrazione è stato solo marginale e il più lento dell’attuale sequenza. Gli inventari di post-produzione hanno mostrato un andamento simile.

La catena di fornitura ha continuato ad essere sotto pressione come risultato della maggiore domanda di fattori produttivi, causando un ulteriore peggioramento dei tempi medi di consegna dei fornitori. Anche se meno notevole che a maggio, la ricorrenza di ritardi delle consegne è stata considerevole rispetto ai dati storici.

Sul fronte dei prezzi gli ultimi dati hanno mostrato un altro rallentamento del tasso di inflazione dei costi affrontati dai manifatturieri italiani che ha toccato i livelli più bassi dallo scorso ottobre. I costi sono comunque aumentati nettamente a livello generale, portando ad un aumento della media dei prezzi di fabbrica. L’aumento dei prezzi di vendita è stato l’ottavo consecutivo su base mensile, anche se il meno forte registrato dallo scorso dicembre.

Phil Smith, Economista presso IHS Markit, ed autore del report IHS Markit PMI® Settore Manifatturiero in Italia, ha detto: «Il settore manifatturiero italiano ha continuato a giugno sulla scia dei recenti risultati positivi. Con 55.2 il PMI è rimasto al di sotto del recente record di aprile di 56.2, ma la media registrata nel corso dell’intero secondo trimestre è stata la migliore in oltre sei anni. La produzione è aumentata ad un tasso più rapido sostenuta da una crescita forte e prolungata di nuovi ordini. I dati sui nuovi ordini giunti dall’estero sono stati particolarmente positivi, mostrando il maggiore incremento in oltre due anni».

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.