Melazzini: a Pavia grandi potenzialità

 Melazzini: a Pavia grandi potenzialità

Melazzini-2

[dropcap]«I[/dropcap]l territorio di Pavia ha grandissime potenzialità e sono convinto che saprà sfruttare al meglio gli strumenti offerti dalla legge “Impresa Lombardia” come gli accordi di competitività, le misure di accesso al credito e di semplificazione. In questo momento è necessario fare squadra, agire su sinergie e aggregazioni. Solo così si potranno avere risposte efficaci».

LA NUOVA LEGGE – SCHEDA

È quanto ha detto, ieri, a Pavia, l’assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Mario Melazzini, in occasione dell’incontro con le realtà produttive e imprenditoriali della provincia, che si è svolto presso la Sede territoriale di Regione Lombardia. «L’appuntamento – ha spiegato l’assessore – è stato organizzato perché noi vogliamo essere vicini al territorio, interloquire con i lavoratori, le imprese, il Sistema camerale e la parti sociali, far conoscere quali sono gli strumenti per il rilancio e agire da facilitatori».

IMPRENDITORI UNDER 35 – «Pavia – ha proseguito l’assessore – ha dati negativi, ad esempio sul fronte occupazione, ma anche numeri molto positivi sugli imprenditori under 35 che vedono la provincia al quinto posto in Lombardia con una crescita dell’8,83 per cento nell’ultimo anno. Questo è un segnale incoraggiante».

IMPUGNATIVA – Circa l’impugnativa da parte del Governo su alcuni punti della legge (comunicazione unica, “made in Lombardy’ e moneta complementare), l’assessore si è detto fiducioso sul fatto che «si potrà trovare un accordo con il Governo per il ritiro dell’impugnativa anche alla luce delle controdeduzioni che abbiamo già inviato». Nello specifico, secondo l’assessore, la comunicazione unica «è uno strumento semplificante che rafforza le norme statali», il made in Lombardy «non impedisce la libera circolazione» e la moneta complementare «è uno strumento elettronico di compensazione per lo scambio di beni e servizi, di cui ci sono molti altri esempi in Italia e non solo».

I PRINCIPI E GLI STRUMENTI – La Legge, ha ricordato l’assessore, è stata approvata all’unanimità l’11 febbraio scorso, pubblicata il 19 febbraio ed è basata su quattro principi fondamentali: la fiducia reciproca tra imprese e Istituzioni, la responsabilità condivisa, la sussidiarietà, l’innovazione.

ACCORDI COMPETITIVITÀ – Tra i principali strumenti contenuti nella Legge, l’assessore ha ricordato gli Accordi di competitività, intese sottoscritte con gli Enti territoriali, le imprese, il sistema camerale e le parti sociali, grazie alle quali si può agire sulla defiscalizzazione e costruire zone a burocrazia zero, incentivando anche gli investimenti in ricerca e innovazione. Dal 5 aprile si è aperta la possibilità per le imprese di inserire manifestazioni di interesse per questa misura.

ALTRE MISURE – Tra le altre misure adottate da Regione Lombardia l’assessore ha ricordato: strumenti di accesso al credito facilitanti e diversificati a seconda delle dimensioni dell’impresa; la rivisitazione del sistema delle garanzie; la comunicazione unica e il “Fascicolo elettronico d’impresa”; la Conferenza dei servizi telematica; la revisione del sistema dei controlli.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.