Micro influencers: chi sono e chi ci guadagna

 Micro influencers: chi sono e chi ci guadagna

C’è un nuovo fenomeno in arrivo: si chiama micro influencers.

Di influencers si parla da anni. Bene e male. Cioè alla maniera in cui si parla di solito di un trend da cui non si può prescindere, anche se contemporaneamente a molti dispiace e ad altri ancora fa storcere il naso.

E allora gli influencers hanno avuto proprio questo effetto: non se ne può prescindere nella comunicazione di brand, anche per le PMI; ma questo fa arrabbiare molti, in primis gli addetti ai lavori.

Perché, ovviamente, gli opinion leaders classici ed instituzionalizzati si sono visti privati della propria leadership; e perché, altrettanto ovviamente, i centri media e le grandi agenzie non hanno certo tempo da perdere nel contattare una miriade di nuovi canali mediali.

Che poi si può anche costruire un listino per i post degli influencers su Instagram. E vediamo ora che succederà, di questo mercato, con questo nuovo trend di micro-influencers.

Ma cosa sono? Semplice, si tratta di utenti con account Instagram con queste caratteristiche:

  • una reach tra i 2k e i 25k followers
  • e un engagement rate più alto della media (sopra il 3%)

E perché sono un fenomeno nuovo ed importante per le aziende?

Per due motivi.

Il primo è che la base utenti cui questi influencers comunicano è estremamente coinvolta con quanto viene postato. E quindi è pronta ad essere imitativa anche in termini di comportamento d’acquisto.

Il secondo è che i micro influencers in sé, un po’ per passione e un po’ anche per alimentare questo loro personaggio, ma soprattutto secondo le più recenti ricerche di mercato, sono essi stessi degli ottimi consumatori, avendo una capacità di spesa superiore alla media.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.