Misery Index Confcommercio: cresce il disagio sociale

 Misery Index Confcommercio: cresce il disagio sociale

disagio

[dropcap]I[/dropcap]l Misery Index Confcommercio (MIC) relativo al mese di maggio si attesta su un valore stimato di 21,5 punti, in aumento di 0,1 punti rispetto al mese di aprile. Ciò è imputabile alla stabilità dell’inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza di acquisto e all’aumento dello 0,1% della disoccupazione estesa.

In maggio il tasso di disoccupazione ufficiale è salito al 12,6%, in aumento di mezzo punto su base annua. I disoccupati sono 3 milioni 222mila, in aumento di 26mila unità sul mese precedente e di 127mila rispetto allo stesso periodo del 2013. Il numero di occupati è aumentato di 52mila unità rispetto ad aprile e diminuito di 61mila rispetto ai 12 mesi precedenti.

Nel mese di maggio sono state autorizzate 96 milioni di ore di CIG, in diminuzione rispetto ai 97 milioni circa di aprile e ai 100 milioni dello stesso mese del 2013. Le ore di CIG utilizzate – destagionalizzate e ricondotte poi a ULA – sono stimate in aumento di oltre 2mila unità, il che porta il numero di persone in CIG dalle 328mila circa stimate per aprile alle 320mila stimate per maggio.

Il numero di scoraggiati è stimato in aumento di oltre 8mila unità portando, a maggio, questa componente delle forze di lavoro potenziali a circa 850mila unità.

Aggiungendo ai disoccupati ufficiali la stima delle persone in CIG e degli scoraggiati si ottiene per maggio un tasso di disoccupazione esteso del 16,7%, in aumento dello 0,1% rispetto al valore di aprile (tabella 1).

L’inflazione dei beni e dei servizi ad alta frequenza di acquisto è rimasta stabile allo 0,5%.

La figura 1 mostra l’andamento del MIC scomposto nei contributi dati dalle due componenti (in rosso l’inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto ed in blu la disoccupazione estesa), mentre l’ingrandimento riporta l’andamento complessivo del disagio sociale negli ultimi dieci mesi. Nel medio periodo il MIC è passato dagli 11 punti di inizio 2007 al record storico di 21,9 punti di gennaio 2014. Solo il crollo dell’inflazione rilevato nei primi mesi del 2014 ha portato ad un’attenuazione del fenomeno che rimane su livelli storicamente elevati e che rischia di riacutizzarsi in presenza di una modesta ripresa dell’inflazione.

Tabella 1: Prezzi, disoccupazione e Misery Index Confcommercio (MIC) in Italia

anno

disoccupazione ufficiale (%)

disoccupazione estesa (%) *

Δ% prezzi-alta frequenza di acquisto

MIC*

2007

6,1

7,8

2,9

12,0

2008

6,8

8,7

4,9

14,6

2009

7,8

10,7

0,8

14,1

2010

8,4

11,6

2,0

16,1

2011

8,4

11,6

3,6

17,3

2012

10,7

14,0

4,2

20,8

2013

12,2

15,9

1,6

21,3

2013-I trim.

11,9

15,4

2,4

21,2

2013-II trim.

12,1

15,7

1,6

21,1

2013-III trim.

12,3

16,1

1,6

21,5

2013-IV trim.

12,5

16,5

0,9

21,5

2014-I trim.

12,7

16,6

0,7

21,6

2014-Gennaio

12,7

16,7

1,2

21,9

2014-Febbraio

12,7

16,7

0,6

21,5

2014-Marzo

12,6

16,6

0,4

21,2

2014-Aprile

12,5

16,6

0,5

21,4

2014-Maggio

12,6

16,7

0,5

21,5

 

Fonte: elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio-Imprese per l’Italia su dati ISTAT ed INPS.
Legenda: per le definizioni si veda la nota tecnica. * I dati degli ultimi cinque mesi sono frutto di stime 
(cfr. la nota tecnica).

MIC

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.