Nuove imprese a tasso zero: 10 cose da ricordare per ottenere gli incentivi

 Nuove imprese a tasso zero: 10 cose da ricordare per ottenere gli incentivi

Gli incentivi “Nuove imprese a tasso zero” rappresentano la versione rinnovata e aggiornata dell’Autoimprenditorialità. Le agevolazioni partono il 13 gennaio 2016 e sono rivolte alle donne e agli under 35 che vogliono avviare micro e piccole imprese.

Dopo i 10 consigli sulla presentazione della domanda, ecco il “decalogo” sui passaggi-chiave da tenere a mente per le fasi successive, cioè la valutazione della domanda e la realizzazione del piano d’impresa.

1

Se non sarai presente al colloquio di valutazione con gli esperti di Invitalia la tua domanda è respinta.

2

Al colloquio devono partecipare le persone che ricoprono ruoli strategici nella gestione dell’impresa.

3

Quando ti viene comunicata l’ammissione alle agevolazioni, hai 20 giorni per presentare i documenti necessari alla stipula del contratto di finanziamento.

4

Se ti viene comunicata l’ammissione alle agevolazioni ma la tua società non è ancora costituita, hai 45 giorni per costituirla e presentare la relativa documentazione.

5

Devi realizzare il programma di investimenti descritto nel progetto.

6

Se hai previsto spese per ristrutturare l’immobile dove verrà svolta l’attività ma su di esso non è possibile iscrivere l’ipoteca, devi presentare una fideiussione a garanzia del finanziamento per queste spese.

7

La tua società deve sostenere il 25% delle spese e il valore dell’IVA. Puoi utilizzare fondi propri o un prestito bancario.

8

Se non vuoi anticipare interamente le spese di investimento, puoi  aprire un conto vincolato con una banca convenzionata.

9

Se vuoi richiedere un’anticipazione del finanziamento, devi presentare una fideiussione.

10

Hai massimo 24 mesi per realizzare il tuo programma di investimento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.