Osservatorio Confturismo-Istituto Piepoli: forte crescita dell’indice di fiducia dopo mesi di stagnazione

 Osservatorio Confturismo-Istituto Piepoli: forte crescita dell’indice di fiducia dopo mesi di stagnazione

Il valore dell’indice di propensione al viaggio degli Italiani registra nel mese di maggio un valore di 63 punti, in forte crescita rispetto al mese di aprile (+5 per cento). Il valore è di due punti percentuali superiore a quello registrato nel maggio del 2015, il primo mese di EXPO 2015.

Questo valore è influenzato dal minore pessimismo sulla situazione economica. Nelle ultime settimane la percentuale degli Italiani che sono pessimisti sull’andamento dell’economia è diminuita di 14 punti percentuali.

Per il terzo mese consecutivo aumenta la quota di persone propense a viaggiare nel breve periodo, evidenziando la voglia di partire degli Italiani.

Questi dati fortemente positivi, spinti dai consumi interni, sono solo in parte influenzati negativamente dalle difficoltà del settore bancario: infatti meno di due Italiani su dieci pensa che la propensione a viaggiare nei prossimi mesi possa essere influenzata negativamente dalle difficoltà del sistema bancario.

La durata media dei viaggi previsti per il prossimo trimestre cresce per la prima volta questo anno rispetto allo stesso mese del 2015. Il numero medio di notti per viaggio arriva a 5,6 notti, il 6 per cento in più rispetto al maggio 2015.

Aumenta ancora la percentuale degli Italiani che sceglierà di trascorrere la propria vacanza nel Bel Paese: l”82 per cento infatti preferisce l’Italia come destinazione per i prossimi tre mesi, con Toscana, Puglia ed Emilia Romagna in cima alle preferenze.

A livello europeo, la Spagna continua a confermare la sua posizione di leadership davanti alla Grecia e alla Francia. Il paese iberico, non a caso, sta registrando i record storici di arrivi stranieri. A livello extra-europeo, il Nord Africa torna ad essere la destinazione preferita dagli Italiani nel prossimo trimestre.

LA RILEVAZIONE IN DETTAGLIO

L’indice di fiducia del viaggiatore italiano, elaborato da Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l’Istituto Piepoli, mostra una forte crescita della propensione degli Italiani al viaggio.

L’indice, risultato di un algoritmo che combina le risposte date ad una serie di domande sulle abitudini e sulle previsioni di viaggio, si attesta a maggio ad un valore pari a 63 su 100, in crescita di tre punti percentuali rispetto al mese di aprile.

Il valore è addirittura superiore a quello registrato nel maggio del 2015, il mese d’inizio dell’EXPO, mostrando dunque una forte ripresa della propensione a viaggiare degli italiani.

In termini percentuali, la crescita rispetto al mese di maggio del 2015 è stata del 3 per cento.

Questa crescita dell’indice deriva da un miglioramento delle prospettive economiche. La percentuale degli italiani pessimisti sulla situazione economica del Bel Paese diminuisce infatti di 14 punti percentuali nell’ultimo mese.

Questo minore pessimismo ha un impatto diretto sulla voglia di viaggiare degli italiani.

Il numero di persone propense a viaggiare nei prossimi tre mesi cresce infatti del 4 per cento nell’ultimo mese.

Per il terzo mese consecutivo si registra dunque una maggiore propensione a partire degli Italiani, nonostante permanga qualche elemento di incertezza sull’andamento economico.

Infatti negli ultimi mesi si sono levati dei dubbi sulla solidità del sistema bancario italiano, con i problemi registrati in alcune banche popolari.

Tuttavia questa incertezza ha avuto un impatto molto limitato sulla fiducia a viaggiare degli Italiani.

Meno di due Italiani su dieci sono influenzati dalle difficoltà del sistema bancario, rilevando quindi una grande fiducia che l’andamento economico positivo possa sempre più migliorare.

Per la prima volta nell’anno, aumenta la durata media dei viaggi espressa in notti. Cresce infatti fino a 5,6 notti la durata media dei viaggi, con il 35 per cento degli italiani che trascorreranno vacanze lunghe più di una settimana.

Questo valore è del 6 per cento superiore a quello registrato nel maggio del 2015, mostrando anche un andamento positivo interannuale.

Queste vacanze più lunghe, saranno trascorse maggiormente in Italia.

Cresce ancora la voglia di Bel Paese, dato che l’82 per cento dei connazionali sceglierà l’Italia come destinazione per i viaggi nei prossimi tre mesi.

Una tendenza che conferma i dati relativi al 2 Giugno di Federalberghi: gli italiani hanno voglia di Italia.

Le destinazioni preferite a livello nazionale sono la Toscana, la Puglia e l’Emilia Romagna insieme a Sicilia e Lazio.

A livello europeo la Spagna rimane in cima alle preferenze, confermando l’ottimo periodo per il turismo iberico. La Grecia e la Francia seguono nella classifica rispettivamente in seconda e terza posizione.

A livello extra-europeo, il Nord Africa è scelto come prima destinazione  dopo molti mesi di difficoltà, davanti a Stati Uniti e Canada.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.