Osservatorio Findomestic Marzo 2015: diminuisce leggermente la soddisfazione degli italiani sia per la situazione personale che per la situazione italiana

 Osservatorio Findomestic Marzo 2015: diminuisce leggermente la soddisfazione degli italiani sia per la situazione personale che per la situazione italiana

oss_mens_2

[dropcap]L’[/dropcap]Osservatorio mensile di febbraio 2015 riporta i dati sulla percezione dell’andamento dei prezzi in Italia. Le categorie di beni in cui gli Italiani hanno notato un aumento dei prezzi riguardano principalmente voci di costo difficilmente evitabili come utenze domestiche, servizi sanitari e spese per la salute, trasporti pubblici ed infine i tabacchi, che hanno sofferto l’aumento delle accise.

In generale gli italiani indicano speculazioni, crisi politica internazionale ed inefficienza della filiera produttiva, come le cause principali che hanno portato agli aumenti di prezzo delle diverse categorie.

Per quanto riguarda invece i capitoli di costo in cui gli intervistati hanno notato un calo dei prezzi primeggiano, grazie alla diminuzione del prezzo del greggio, i carburanti. Le diminuzioni del livello dei prezzi sono state notate principalmente per alcuni canali di vendita come GDO ed e-commerce, grazie anche a sconti e promozioni applicati sui
prodotti. La piccola distribuzione e la vendita al dettaglio sono i canali in cui vengono rilevati i maggiori aumenti.

I prodotti e servizi importanti, che incidono di più rispetto al passato sulle spese delle famiglie Italiane e che andrebbero monitorati nel paniere Istat sono: l’assistenza agli anziani, gli impianti per l’efficacia energetica, la cura degli animali e l’istruzione post universitaria. Una fotografia di una società in cui l’età media è molto alta e in cui ai
giovani è richiesto sempre di più per inserirsi nel mondo del lavoro.

Per quanto riguarda il grado di fiducia, diminuisce la soddisfazione degli italiani sia per la situazione personale (dal 4,70 al 4,55) che per la situazione italiana (dal 3,72 al 3,59).  Sono invece positive le aspettative di risparmio su base annua che crescono dal 16,9 al 17,4%, mentre il valore mensile diminuisce rispetto al dato del mese precedente.

Previsioni di acquisto a tre mesi

Elettrodomestici: a febbraio l’elettronica di consumo e gli elettrodomestici grandi e piccoli mostrano un trend in crescita, raggiungendo anche livelli molto superiori rispetto al febbraio dell’anno passato
Aumentano attestandosi al 19,0%, le persone interessate a comperare grandi elettrodomestici che nei prossimi tre mesi sono disposte a spendere fino a 671 €. Anche la propensione di spesa per i piccoli elettrodomestici è in crescita e arriva a toccare il 31,6%. Si nota invece una flessione per il budget destinato a questa categoria per cui la
spesa media prevista è di 181 €. Crescono anche le previsioni di acquisto per l’elettronica di consumo che si attestano al 25,5% Sono invece in discesa gli importi di spesa prevista per questi beni, per i quali lo scontrino medio è di 544 €.

Informatica, telefonia e fotografia: bene la propensione di acquisto per tutti i beni legati a queste categorie ad eccezione del comparto fotocamere e videocamere che si trova in leggera flessione
Sale la propensione all’acquisto per PC, tablet e per la telefonia rispettivamente al 24,1%, 15,9% e al 26,6%. In leggera discesa invece le previsioni di comperare fotocamere che si attestano al 15,1%. Per quanto riguarda la spesa media prevista, gli Italiani pensano di spendere 509 € per PC e accessori, 350 € per fotocamere e videocamere, 302
€ per beni legati alla telefonia e 301 € per tablet e ebook.

Auto e moto: continua la crescita delle intenzioni di acquisto in tutto il settore della mobilità. In leggero calo la spesa media prevista per l’acquisto di auto nuove
In forte aumento la quota di consumatori pronti ad acquistare un’auto nuova che sale al 15,8%. Cresce anche invece al 9.9% quella per le auto usate. Trend positivo anche per le persone intenzionate a comperare uno scooter, che salgono dal 6,2 al 7,5%. In leggera discesa la spesa destinata alle auto nuove il cui budget questo mese si attesta a 19.075
€. Rimangono invece stabili le previsioni di spesa media per scooter e auto usate per cui verrebbero spesi rispettivamente 6.910 € e 3.256 €.

Casa e arredamento: cresce la propensione all’acquisto di case e arredamento. Rimane stabile la previsione di spesa per i mobili
Crescono le previsioni di acquisto di case (6,2%) e le intenzioni di effettuare ristrutturazioni (10,7%). In crescita anche la propensione all’acquisto di mobili che passa da 15,4% a 16,9%, rimane invece stabile la spesa media prevista per l’acquisto di questo tipo di beni attestandosi a 2.064 €.

Tempo libero: bene i viaggi e fai-da-te. Stabili le attrezzature sportive
Salgono le previsioni per il settore viaggi e vacanze e per il fai-da-te che aumentano rispettivamente al 34,6% e al 24,3%. Rimangono invece stabili al 20,7% le intenzioni di acquisto di attrezzature per abbigliamento ed attrezzature sportive.

Efficienza energetica: crescono le previsioni di acquisto per stufe a pellet e caldaie e serramenti e infissi. Leggero calo per impianti fotovoltaici e solari termici
La previsioni di acquisto nei prossimi tre mesi rimangono in leggera salita sia per le stufe a pellet (9,3%) sia per serramenti e infissi (10,1%). Leggera diminuzione invece per le intenzioni di comperare impianti fotovoltaici (5,2%) e solari termici (4,5%). Per quanto riguarda le previsioni di spesa, rimangono stabili quelle per gli impianti solari termici (4.597 €), mentre aumentano quelle per gli impianti fotovoltaici (7.191 €). Sono invece in discesa le intenzioni di spesa medie di infissi e serramenti (2.623 €) e, anche se più lievemente, quelle per stufe a pellet e caldaie (1.305 €).

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.