Parte Cosme: 2,3 miliardi di euro per stimolare la competitività delle pmi nei prossimi sette anni

 Parte Cosme: 2,3 miliardi di euro per stimolare la competitività delle pmi nei prossimi sette anni

Il Parlamento europeo ha approvato il programma Cosme (Competitiveness of enterprises and small and medium sized enterprises) diretto al sostegno e alla crescita delle piccole e medie imprese. Il Programma per la competitività delle imprese e per le piccole e medie imprese (Cosme), che dispone di un bilancio di 2,3 miliardi per il periodo 2014-2020, fornirà ad esempio uno strumento di garanzia per i prestiti fino a 150.000 euro concessi alle piccole e medie imprese (pmi).

Si prevede che da qui al 2020 si avvarranno di tale strumento circa 330 000 imprese dell’Ue. Il Cosme assisterà inoltre l’economia e i cittadini anche in altri modi: 1) gli imprenditori godranno di un accesso più facile ai mercati nell’Ue e oltre i confini di questa; 2) i cittadini che vorrebbero avviare un’attività autonoma, ma incontrano attualmente difficoltà nell’impiantare o sviluppare la propria impresa, riceveranno servizi e assistenza su misura; 3) alle autorità degli Stati membri sarà offerto un sostegno di migliore qualità nell’attività di elaborazione e attuazione di un’efficiente riforma politica orientata alle pmi.

Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per l’Industria e l’imprenditoria, ha espresso il seguente commento: «Portiamo avanti il nostro impegno in appoggio alle imprese europee, in particolare quelle di piccole e medie dimensioni che costituiscono l’ossatura dell’economia dell’Ue e creano l’85% dei nuovi posti di lavoro. Su queste basi il Cosme semplificherà notevolmente la vita delle pmi assistendole nell’accesso al credito, che costituisce una problematica di cruciale importanza per le pmi dell’Unione».

Il Cosme si propone di rafforzare la competitività e la sostenibilità delle imprese dell’Ue, di incoraggiare una cultura imprenditoriale e di promuovere la creazione e la crescita delle pmi. Tali obiettivi saranno raggiunti mediante i seguenti miglioramenti:

  • accesso ai finanziamenti per le pmi,
  • accesso ai mercati, tanto all’interno dell’Unione quanto a livello globale,
  • condizioni quadro favorevoli alle imprese, e
  • imprenditorialità e cultura d’impresa.

1. Accesso ai finanziamenti: Circa 1,4 miliardi di euro dei 2,3 miliardi che costituiscono il bilancio del Cosme sono destinati al credito e al venture capital per complementare piani di finanziamento a livello nazionale:

Uno strumento creditizio offrirà alle pmi garanzie dirette o altre formule di condivisione del rischio utilizzabili presso gli intermediari finanziari, quali le banche, i fondi di mutua garanzia e i fondi di venture capital, per garantire crediti fino a 150.000 euro.

Lo strumento di capitale per gli investimenti in fase di sviluppo fornirà alle pmi finanziamenti azionari rimborsabili a orientamento commerciale, principalmente sotto forma di venture capital, ottenuti attraverso intermediari finanziari.

2. L’attività mirata all’accesso ai mercati si esplicherà tramite concreti servizi di sostegno alle imprese, che saranno forniti in particolare dalla rete Enterprise Europe Network, e saranno dedicati principalmente all’internazionalizzazione delle pmi, all’agevolare l’espansione imprenditoriale e ai partenariati internazionali. Sono anche disponibili centri di assistenza per i DPI in Europa, in Cina e nelle regioni dell’ASEAN e del Mercosur.

3. Il miglioramento delle condizioni quadro sarà ottenuto fornendo assistenza all’attuazione degli orientamenti dell’Ue in materia di pmi, con la riduzione degli oneri amministrativi o mediante attività dedicate a specifici settori ove sono preponderanti la partecipazione delle pmi e la creazione di posti di lavoro.

4. Le attività di promozione dell’imprenditorialità comprenderanno lo sviluppo di capacità e atteggiamenti imprenditoriali, in particolare tra i nuovi imprenditori, i giovani e le donne, unitamente al programma di scambi Erasmus per giovani imprenditori1.

Si prevede che il programma aiuterà 330.000 imprese a ottenere credito, col che agevolerà la creazione o il mantenimento di centinaia di migliaia di posti di lavoro, nonché a lanciare nuovi prodotti, servizi o processi d’impresa.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.