Pil, Confagricoltura: «Mai così male per le aziende agricole. Conti sempre in rosso»

 Pil, Confagricoltura: «Mai così male per le aziende agricole. Conti sempre in rosso»

agricoltura-1

[dropcap]D[/dropcap]al 2000 al 2014 il settore dell’agricoltura, selvicoltura e pesca – ricorda Confagricoltura – ha perso 1,9 miliardi di euro (-6%). Nel 2000 registrava 30,027 miliardi di euro di valore aggiunto.

«Preoccupa soprattutto la situazione registratasi nel quarto trimestre del 2014, in cui  si è avuto un calo davvero severo del PIL agricolo, che è del 6,9% su base tendenziale e del 4,4% su base congiunturale (era dal 2010 che non si arrivava così in basso)», sottolinea Confagricoltura. «Il dato però – aggiunge – non ci sorprende visto che la diminuzione media dei prezzi dei prodotti agricoli all’origine è stato del 5,5% nel 2014 rispetto all’anno precedente, con punte superiori al’8% per le produzioni vegetali. Va poi ricordato come, a gennaio 2015, secondo i dati Ismea, i prezzi alla produzione risultassero aumentati del 16% rispetto al 2010; i costi di produzione invece di oltre il 40%».

«Dobbiamo fare i conti con la redditività dei processi produttivi agricoli e rilanciare i consumi e le esportazioni – conclude Confagricoltura -. Servono politiche idonee e un’attenzione diversa al settore primario che, come stanno anche evidenziando le manifestazioni di sensibilizzazione e di protesta in corso in tutta Italia in questo periodo, ha ancora tante criticità da rimuovere».

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.