PMI: dal fintech un concreto aiuto per finanziarsi tramite l’anticipo fatture

 PMI: dal fintech un concreto aiuto per finanziarsi tramite l’anticipo fatture

L’accesso al credito tramite i tradizionali canali bancari è diventato sempre più difficile da ottenere per le imprese, specialmente per quelle di piccole e medie dimensioni, che dallo scoppio della crisi finanziaria del 2008 hanno sofferto maggiormente. Le erogazioni da parte degli istituti hanno vissuto una contrazione pressoché ininterrotta, soprattutto sul breve termine, mentre i criteri di accesso si sono fatti più stringenti, col paradossale risultato di rifiutare spesso i prestiti alle imprese proprio nel momento in cui ne avrebbero maggiore necessità. Inoltre anche quando il finanziamento viene concesso, i contraenti spesso si sono ritrovati ad affrontare costi tra i più alti d’Europa, magari nascosti tra le clausole del contratto. Tali condizioni infine, non sono di certo migliorate da un “sistema paese” in cui non onorare in tempo i propri debiti è diventato un malcostume generalizzato, tanto che a livello nazionale solo il 35% delle fatture viene saldato entro la data di scadenza.

Una risposta a questo problema arriva dal fintech, che non a caso ha vissuto la sua esplosione proprio in questi anni, con le startup e giovani società della finanza digitale che hanno sviluppato una vasta gamma di servizi offrendo talvolta valide alternative a quanto offerto dalle banche tradizionali, e talvolta un’efficace soluzione per fasce di mercato oggi quasi totalmente non servite da tale sistema (cosidetti soggetti “non bancabili”). Con riferimento al problema della necessità di cassa per il breve termine e del ritardo cronico dei pagamenti, una delle soluzioni più promettenti per le imprese è l’invoice financing (o “invoice trading”), ovvero l’anticipo delle fatture tramite la cessione delle stesse attraverso piattaforme digitali online.

Il sistema consente alle imprese di monetizzare immediatamente i propri crediti commerciali pendenti e non scaduti, vendendoli attraverso un meccanismo di asta competitiva online ad investitori qualificati. L’azienda in questo modo incassa subito il 90% del valore nominale del credito senza attendere i 60/90 giorni in media, ed a scadenza ottiene il saldo restante.

La cessione delle fatture online offre numerosi vantaggi per le aziende rispetto ai canali più tradizionali. In primo luogo è uno strumento semplice, veloce e flessibile: l’azienda è libera di scegliere quando e quali delle proprie fatture cedere a seconda delle necessità di tesoreria quotidiane. In secondo luogo all’impresa che cede i propri crediti non sono richieste garanzie, ipoteche o fidejussioni di alcun genere e non viene applicato alcun castelletto o fido massimo. Inoltre, oggetto di valutazione da parte delle piattaforme e quindi degli investitori, non è tanto il merito creditizio dell’azienda, quanto piuttosto quello dei suoi clienti, ovvero dei debitori: ciò consente ad alcune PMI che vivono un momento di difficoltà finanziaria di trovare credito laddove gli strumenti tradizionali non lo hanno consentito, purché abbiano buoni clienti. Infine l’invoice financing è anche trasparente: l’unico costo è rappresentato dallo sconto richiesto dall’investitore e dalla fee della piattaforma, sempre estremamente chiari e non nascosti nelle clausole contrattuali.

Marcello Scalmati
Founder CashMe
http://www.cashme.it/

Marcello Scalmati

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.