Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Premi di produttività: sono 29.743 i contratti aziendali e territoriali depositati; 8.363 quelli ancora “attivi”

A seguito della pubblicazione del Decreto Interministeriale 25 marzo 2016, relativo alla detassazione dei premi di produttività, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha reso disponibile la procedura per il deposito telematico dei contratti aziendali e territoriali. Dopo 60 giorni, termine transitorio per l’invio dei modelli riferiti a contratti sottoscritti nel 2015, a partire dal 15 luglio 2016 il sistema è entrato a pieno regime.

Alla data del 15 gennaio 2018 sono state compilate 29.743 dichiarazioni di conformità (moduli), redatte secondo l’articolo 5 del d.m. 25 marzo 2016.

Il grafico che segue mostra la distribuzione mensile dei moduli depositati[1]:

La tabella nella pagina successiva mostra la distribuzione regionale delle dichiarazioni:

Regione ITL 2016 2017 2018 Totale
Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Gen
01-PIEMONTE 108 738 409 42 41 70 55 158 84 55 78 57 87 121 106 51 30 60 59 164 22 2.595
02-VALLE D’AOSTA 1 14 6 4 1 2 1 6 1 2 3 6 1 3 2 2 3 58
03-LOMBARDIA 425 2.483 1.158 158 128 179 270 423 322 136 269 182 263 365 375 143 147 293 263 438 118 8.538
04-BOLZANO 7 11 8 1 8 3 3 2 1 2 4 2 1 2 2 3 1 61
04-TRENTO 17 225 206 12 8 14 11 73 48 8 4 6 12 28 15 12 6 12 15 70 7 809
05-VENETO 145 1.135 731 82 85 85 87 267 90 44 76 61 92 152 147 105 74 96 233 254 34 4.075
06-FRIULI 39 229 102 17 24 22 32 51 16 13 23 27 36 51 35 22 16 34 19 56 2 866
07-LIGURIA 22 188 117 12 8 18 14 37 24 7 11 16 15 19 21 18 8 18 20 55 7 655
08-EMILIA ROMAGNA 197 1.570 645 137 135 97 84 160 105 59 86 247 187 288 189 130 137 107 108 159 12 4.839
09-TOSCANA 139 583 328 22 15 44 55 92 47 28 37 40 76 59 136 40 43 38 110 94 18 2.044
10-UMBRIA 27 87 61 4 1 5 16 11 10 7 8 17 12 26 14 7 4 17 6 21 6 367
11-MARCHE 20 152 79 17 10 10 6 40 10 7 16 12 16 26 22 35 6 8 12 17 4 525
12-LAZIO 74 516 300 61 10 47 76 101 59 20 52 74 69 81 72 36 19 111 67 123 28 1.996
13-ABRUZZO 9 105 63 13 3 20 4 23 14 4 9 12 15 12 18 9 5 15 8 15 1 377
14-MOLISE 4 17 8 1 3 7 1 2 3 2 2 1 2 4 2 59
15-CAMPANIA 26 170 107 17 3 16 8 20 15 10 16 23 14 21 40 13 16 12 8 25 7 587
16-PUGLIA 15 87 41 6 7 28 18 15 8 7 10 4 18 14 15 20 7 30 20 15 385
17-BASILICATA 4 39 52 1 6 1 4 2 5 7 1 5 3 5 2 1 1 4 3 146
18-CALABRIA 5 32 14 5 9 9 1 1 2 3 1 8 7 5 6 7 1 10 1 127
19-SICILIA 7 81 43 10 11 12 33 14 3 4 10 18 10 28 11 5 4 22 34 14 4 378
20-SARDEGNA 14 58 27 11 3 8 5 21 14 3 6 14 9 14 11 9 10 5 4 8 2 256
Totale 1.305 8.520 4.505 623 496 691 786 1.535 882 422 722 817 942 1.327 1.246 669 542 889 995 1.550 279 29.743

Alla data del 15 gennaio 2018, 8.363 dichiarazioni di conformità si riferiscono a contratti tuttora attivi; di queste, 6.985 sono riferite a contratti aziendali e 1.378 a contratti territoriali.

La tabella che segue mostra la distribuzione territoriale dei contratti attivi.

Regione DTL AZIENDALE TERRITORIALE Totale
01-PIEMONTE 761 83 844
02-VALLE D’AOSTA 8 1 9
03-LOMBARDIA 2.123 289 2.412
04-BOLZANO 25 4 29
04-TRENTO 111 138 249
05-VENETO 810 266 1.076
06-FRIULI 206 22 228
07-LIGURIA 147 17 164
08-EMILIA ROMAGNA 991 163 1.154
09-TOSCANA 455 107 562
10-UMBRIA 75 13 88
11-MARCHE 119 13 132
12-LAZIO 457 142 599
13-ABRUZZO 121 1 122
14-MOLISE 13 2 15
15-CAMPANIA 191 15 206
16-PUGLIA 108 17 125
17-BASILICATA 28 25 53
18-CALABRIA 50 8 58
19-SICILIA 113 18 131
20-SARDEGNA 73 34 107
Totale 6.985 1.378 8.363

Degli 8.363 contratti attivi, 6.548 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività4.846 di redditività4.145 di qualità, mentre 1.240 prevedono un piano di partecipazione e 3.449 prevedono misure di welfare aziendale.

[1] Per “attivo” si intende il contratto in cui il “periodo di validità” indicato nel modello comprende il mese di gennaio 2018.

2 La tabella illustra i valori assoluti di tutti i contratti depositati mese per mese, non cumulativi come quelli finora utilizzati nei report precedenti. I valori dei primi tre mesi sono influenzati dal c.d. “periodo transitorio” secondo il quale fino al 16 luglio 2016 c’era la possibilità di depositare i contratti sottoscritti fin dal 1° gennaio 2015.

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.