Pubblicata la nota del III trimestre 2014 relativa alle Comunicazioni Obbligatorie

 Pubblicata la nota del III trimestre 2014 relativa alle Comunicazioni Obbligatorie

rapporto-di-lavoro-1

[dropcap]È[/dropcap] stata pubblicata la Nota del III trimestre del 2014 relativa al Sistema delle Comunicazioni Obbligatorie sui movimenti di rapporti di lavoro, in Italia, registrati nel periodo luglio-settembre 2014. La nota è stata curata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e da Italia Lavoro.

Nel III trimestre del 2014 il Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie ha registrato 2.474.112 avviamenti di nuovi rapporti di lavoro dipendente e parasubordinato, quasi 60 mila in più rispetto al III trimestre del 2013 (+2,4%). Circa il 67% delle nuove assunzioni si è concentrato nel settore dei Servizi (1.655.489 unità) comparto che, rispetto allo stesso trimestre del 2013, perde lo 0,5% dei contratti avviati. Nei settori Agricoltura e Industria il volume di contrattualizzazioni è risultato pari a, rispettivamente, 471.673 (il 19,1%) e 346.950 unità (il 14%) facendo registrare incrementi significativi. Da rilevare l’aumento delle nuove contrattualizzazioni nell’Industria in senso stretto (+8,8%) che censisce 16.638 assunzioni in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Rispetto al III trimestre del 2013, si segnala un rilevante incremento del numero dei contratti avviati a tempo indeterminato (+7,1%, pari a 26.504 unità in più) una crescita che ha riguardato entrambi i generi con pari intensità; ad aumentare sono anche i rapporti di lavoro in apprendistato (+3,8% pari a 2.184 nuove attivazioni) i contratti a tempo determinato (+1,8% pari a 30. 721 unità) e le collaborazioni (+1% ovvero 1.540 unità in più) mentre decrescono dell’1,4% i rapporti di lavoro avviati in “altra tipologia” di contratto.
Nel trimestre analizzato sono state registrate 2.415.928 cessazioni di rapporti di lavoro, di cui 1.125.421 hanno riguardato donne e 1.290.507 hanno riguardato uomini. Rispetto al III trimestre 2013, il numero delle cessazioni risulta in aumento dello 0,9%, pari a +22.668 unità. Rispetto allo stesso trimestre del 2013, si osserva una netta contrazione delle cessazioni nei settori delle Costruzioni (-3,7%) e nei Servizi (-0,9%); all’opposto si registrano incrementi rilevanti in Agricoltura (+9%) e nell’Industria in senso stretto (+8,1%). Nel periodo in osservazione, si conferma il trend contrattivo delle cessazioni per dimissioni (in calo del 4,3% rispetto al III trimestre dell’anno precedente) e delle cessazioni per licenziamento (in diminuzione del 3,3%).
I lavoratori interessati da cessazioni nel III trimestre 2013 sono stati 1.910.394, lo 0,2% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.