Quota 50 miliardi di euro: un obiettivo raggiungibile per l’export agroalimentare italiano

 Quota 50 miliardi di euro: un obiettivo raggiungibile per l’export agroalimentare italiano

[dropcap]L’[/dropcap]export italiano di prodotti agroalimentari ha mostrato una buona accelerazione nel triennio 2010-2013 rispetto ai tre anni precedenti, con un interessante potenziale di crescita ancora inespresso.

La performance dell’Italia è stata particolarmente positiva – e migliore rispetto ai concorrenti diretti – nei mercati emergenti extra Ue, mentre ha registrato ritmi più lenti nelle altre aree geografiche.

Il momento attuale appare propizio per un avanzamento e un rafforzamento della nostra competitività su tutti i mercati internazionali: concentrandoci su 10 prodotti agroalimentari di punta e su 10 geografie particolarmente rilevanti per ognuno di essi, sarebbe possibile incrementare l’export italiano di agrifood di oltre 7 miliardi entro il 2018.

Considerando che nel 2013 le nostre esportazioni sono state di circa 33 miliardi di euro, si potrebbe arrivare quindi oltre 40 miliardi, a conferma del fatto che la Quota 50 entro il 2020 è raggiungibile in modo concreto.

Quasi il 70% di questo maggior export deriverebbe dalle vendite verso i mercati europei, in particolare in Regno Unito, Germania, Francia e, in termini di prodotti, vino, conserve e olio di oliva rappresenterebbero il 50% dell’export aggiuntivo.

Scarica il [media-downloader media_id=”20459″ texts=”rapporto completo”].

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.