Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Reati ambientali: quando la delega di funzioni esonera da responsabilità

E’ noto che la responsabilità per i reati commessi nell’esercizio dell’attività di impresa ricade di regola sulle figure apicali, in quanto dotate dei poteri decisionali.

E’ altrettanto noto, tuttavia, che nelle imprese di dimensioni medio-grandi, la molteplicità delle attività e degli adempimenti implica la necessità di avvalersi di meccanismi di distribuzione e ripartizione dei compiti.

Entra quindi in gioco la cosidetta “delega di funzioni”, la quale – se possiede determinati requisiti – può determinare l’esclusione della responsabilità in capo alle figure apicali dell’impresa.

Al riguardo, la Cassazione è intervenuta con la sentenza del 23 giugno 2017, n. 31364, in tema di reati ambientali, con cui vengono puntualizzati i requisiti che la delega di funzioni deve avere per ritenersi valida ai fini dell’esclusione di responsabilità del legale rappresentante o di altra figura apicale.

Precisamente, afferma la Cassazione, devono ricorrere le seguenti caratteristiche:

  • la delega deve essere puntuale ed espressa;
  • il delegato deve essere un soggetto tecnicamente idoneo e professionalmente qualificato per lo svolgimento del compito affidatogli;
  • la delega deve riguardare non solo le funzioni ma anche i correlativi poteri decisionali e di spesa;
  • la delega deve escludere in capo al delegante poteri residuali di tipo discrezionale;
  • il trasferimento delle funzioni delegate deve essere giustificato in base alle dimensioni dell’impresa o, quantomeno, alle esigenze organizzative della stessa;
  • l’esistenza della delega deve essere provata in giudizio in modo certo.

Se ricorrono i suddetti requisiti e se non vi è stata alcuna ingerenza da parte del delegante, dovrà allora escludersi la responsabilità di quest’ultimo.

Antonella Pedone

Antonella Pedone

L'Avvocato Antonella Pedone è iscritta all'Ordine degli Avvocati di Tivoli dall'anno 2008. Laureata con lode presso l'Università La Sapienza di Roma, ha discusso la tesi "I caratteri della giurisdizione della Corte Penale Internazionale". È particolarmente competente nella gestione del contenzioso contro l'Agenzia della riscossione e della crisi da sovraindebitamento. www.antonellapedone.com

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.