Retail 4.0: al via le prime campagne ADV di Amazon per WholeFoods

 Retail 4.0: al via le prime campagne ADV di Amazon per WholeFoods

Uno dei tratti distintivi del Retail 4.0 è la contaminazione crosscanale.

Nel 2017 questo trend è andato mainstream. Pensiamo ad esempio alla consacrazione del Black Friday. Tradizionalmente una ricorrenza tutta americana e offline, ha conquistato l’online grazie ad Amazon. Amazon, intanto, ha conquistato il mondo (occidentale, almeno) del commercio online. Lanciando dappertutto un concetto promo che, nel 2017, è stato implementato dalla stragrande maggioranza dei retailer tradizionali – anche in Italia.

Ma il processo ha corso anche per il verso opposto. E, anche qui, Amazon è stata protagonista. A giugno 2017, infatti, il colosso di Seattle ha acquisito Whole Foods, una delle catene di supermercati più grandi degli Stati Uniti. Prezzo? 13,7 miliardi di dollari per una catena che vale 460 negozi. Per entrare dalla porta principale in un mondo da contaminare e da cui farsi contaminare.

I primi effetti mediali si vedono in questo attacco di 2018. A febbraio, infatti, parte la primissima campagna pubblicitaria di Whole Foods dopo l’acquisizione. Il target sono gli shopper della Z e della Y generation attenti agli aspetti salutistici e del benessere, un macro trend internazionale che difficilmente si poteva pensare che Amazon non cavalcasse. Si tratta di consumatori attenti ma anche evoluti e quasi eccentrici, sempre alla scrupolosa ricerca di qualità.

La nuova comunicazione è partita il 5 febbraio 2018 e si svilupperà per tutto l’anno a livello multicanale (tv, radio, outdoor, online). Si tratta di 5 mini spot nel più efficace dei formati ispirati al digitale. Si possono vedere sul canale YouTube del retailer e sono concepiti più per essere adattati dal digitale ai media tradizionali, che non per l’opposto. Un secondaggio da 15 secondi per spot con uno storytelling fatto apposta per il target.

Ma questo è nulla in fatto di contaminazioni. Gli spot sono infatti a tutti gli effetti delle mini-serie: il must del momento. Rispetto alla tradizionale comunicazione di Whole Foods Market, che si focalizzava esplicitamente sulla qualità dei prodotti, la nuova campagna è più umana, umoristica e legata ad episodi di quotidianità. D’altronde non è un segreto che Amazon punti in maniera sempre più forte agli aspetti di produzione diretta dei contenuti.

Un buon esempio di come l’expertise cross-settoriale possa fare la differenza.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.