Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Saranno oltre 15 milioni gli italiani che acquisteranno online un regalo di Natale

Intorno a noi tutto parla di Black Friday e Cyber Monday, due fenomeni ormai integrati tra loro, e il comparto dell’e-commerce rappresenta il motore di questa tradizione importata in Italia solo pochi anni fa dagli Stati Uniti. Ma quali sono le stime dei numeri che ci aspettano da qui a Natale?

Roberto Liscia, Presidente di Netcomm, il Consorzio del commercio digitale in Italia, presenta una previsione dello scenario che ci attende.

La vastità di fenomeni come il Black Friday e Cyber Monday è immediatamente comprensibile pensando che, se in un anno sono circa 300 milioni i pacchi che transitano nel nostro Paese, nel periodo compreso da qui a Natale transiteranno in Italia quasi 50 milioni di pacchi” come stimato dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – Politecnico di Milano. “Vale a dire che un sesto di quello che accade in un intero anno, avverrà in un solo meseUna dura prova soprattutto per gli operatori della logistica e per i corrieri, ma uno straordinario beneficio per l’ambiente, perché sarà privilegiato il trasporto collettivo di prodotti, un tema a cui i consumatori italiani sono sempre più sensibili.

Il settore della logistica sta vedendo, rispetto agli anni passati, una straordinaria evoluzione dei propri processi grazie a tecnologie come l’intelligenza artificiale e il machine learning, che consentono di ottimizzare le performance delle aziende attive nella filiera logistica, rendendo sempre più efficienti la certezza dei tempi di consegna, la tracciabilità del pacco e la gestione dei resi, i cui costi sono presi in carico da un numero sempre più crescente di merchant.

Un altro elemento sostanziale di cui beneficia il 2019, che vedrà più di 15 milioni di italiani acquistare online regali di Natale, è l’estrema ampiezza di prodotti disponibili oggi rispetto a poco tempo fa, come la disponibilità di beni nell’alimentare e per la casa, categorie merceologiche particolarmente gettonate nel periodo natalizio.

Un ulteriore aspetto interessante riguarda la natura del fenomeno del Black Friday: se negli Stati Uniti ha visto le sue origini nei negozi fisici, soprattutto della grande distribuzione, e il suo sviluppo nel digitale in un secondo momento, in Italia è stato applicato in prima battuta dalle startup, facilitate dai propri modelli di business adattivi, ma dalle scarse capacità di investimento. Negli ultimi anni, invece, la presenza di marketplace internazionali ha consentito il trasferimento delle competenze del modello americano, già consolidato. Nel nostro Paese stiamo assistendo, infatti, a una esperienza sempre più omnicanale, che passa dal digitale al fisico, grazie all’apertura di negozi temporanei da parte di grandi aziende native digitali e brand che fanno sempre più leva sui fattori emozionali di acquisto esperienziale”.

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.