Secondo l’Osservatorio del Politecnico serve pianificare l’Export Digitale

 Secondo l’Osservatorio del Politecnico serve pianificare l’Export Digitale

L’Osservatorio Innovazione Digitale nelle PMI del Politecnico di Milano ha recentemente presentato una ricerca condotta su 504 osservazioni rappresentative della popolazione di 69mila PMI manifatturiere nel mese di dicembre 2020.

Ciò che si osserva dai dati è che la pandemia abbia costretto le PMI a guardare al digitale e all’export in modo congiunto. La comunicazione digitale è sempre stata vista come un costo e non un investimento. Oserei dire, a ragion veduta.

L’approccio comune di molte aziende e agenzie è stato, fino ad oggi, quello di ignorare totalmente la strategia, focalizzandosi solo sulle attività. Un nuovo sito web perché quello vecchio non è più in linea con il design del momento, l’apertura di un nuovo social media perché è di tendenza.

Avviare attività digitali senza un obiettivo strategico trasforma le azioni da investimenti a costi.

Il digitale diventa un investimento nel momento in cui le azioni aiutano a raggiungere un obiettivo utile all’azienda. Se parliamo di Export Digitale, l’unico obiettivo possibile è quello di ottenere richieste di offerta o contatti commerciali che possano generare fatturato.

Un dato interessante che emerge dall’Osservatorio è che l’86% delle PMI intervistate prevede di investire sul digitale. Ma prima è necessario definire una strategia.

Come diceva Laurence J. Peter “Se non sai dove stai andando, probabilmente finirai da qualche altra parte.”

Weevo si occupa da nove anni di Export Digitale B2B. Abbiamo subito aderito all’iniziativa del MAECI “Farnesina per i servizi digitali per l’export”, mettendo a disposizione sette corsi di formazione gratuiti per aiutare le imprese italiane a pianificare l’Export Digitale. Puoi accedere ai corsi gratuiti qui: https://exportdigitale.weevo.it/

Seguo personalmente anche i corsi a pagamento: https://shop.digitalexportmanager.com/

  • il videocorso in 12 pillole, disponibile subito;
  • l’Executive Program per diventare Digital Export Manager, in partenza a marzo.

Se hai bisogno di agire subito, possiamo aiutarti a trovare distributori, rivenditori o partner commerciali all’estero.

Puoi trovare maggiori informazioni a questo link: https://www.weevo.it/

Quale sarà il primo passo? Ovviamente la definizione del tuo obiettivo e della strategia.

Chiunque comunichi con un obiettivo ha bisogno di una strategia.

Gabriele Carboni

https://weevo.it

Definito da Going Global UK: "Massimo esperto in strategie di marketing digitale internazionale".

Tra i 5 maggiori marketing influencer italiani secondo Digitalic. Autore di "Strategie web per i mercati esteri", Hoepli 2016 e "The Marketing Distinguo: differentiation on three steps", Amazon 2019.

Ha il deato il Visual Communication Planner, il marketing canvas scaricato da quasi 20.000 aziende e professionisti nel mondo.

L'unico italiano a completare il master MIT Digital Business Strategy sulla Digital Transformation.

Premiato tra le tre Best 2019 Marketing Innovation al DES 2019 di Madrid con il progetto Marketing Distinguo.

Ha già collaborato come docente per Exportiamo Academy, 24ore Business School, Università di Bologna, Università di Trento, Università Internazionale di Roma, Ninja Academy.

È l'unico consulente di BPER Banca per l'Export Digitale.

Fa parte della commissione UNI per la definizione della normativa relativa alla professione dell’Export Manager e del Digital Export Manager.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.