Sei imprese su dieci hanno come clienti principali aziende, pa e istituzioni non profit

 Sei imprese su dieci hanno come clienti principali aziende, pa e istituzioni non profit

Lo dice il primo di una serie di Report di approfondimento dell’Istat sulle tematiche oggetto della rilevazione diretta sulle imprese, svolta nell’ambito delle attività connesse al 9° censimento generale dell’industria e dei servizi.

Circa il 40% delle imprese dell’industria e dei servizi dichiara di avere come clienti finali soprattutto le famiglie, mentre il rimanente 60% si rivolge ad altre aziende, alla pubblica amministrazione, al settore agricolo o a istituzioni non profit. Coerentemente con il tipo di attività svolta, le imprese del commercio e degli altri servizi si rivolgono in misura maggiore alle famiglie (con quote mediamente intorno al 50%) rispetto a quelle dell’industria in senso stretto e delle costruzioni (15,8 e 30,3%).

All’interno del terziario si riscontrano situazioni molto diverse; nei settori dell’assistenza e nel commercio al dettaglio oltre l’80% delle imprese si rivolge principalmente alle famiglie mentre, all’estremo opposto, settori come le attività di ricerca scientifica e di consulenza hanno come principali clienti altre imprese o istituzioni. Anche fattori come la maggiore dimensione di impresa, l’appartenenza ad un gruppo e il rivolgersi al mercato nazionale o estero sono associati a una maggiore incidenza di imprese che si rivolgono ad altre unità produttive (circa l’80% tra quelle che si rivolgono a mercati sovraregionali), a testimoniare un loro maggior coinvolgimento in catene del valore nazionali e internazionali.

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.