Shanghai Pilot Free Trade Zone

 Shanghai Pilot Free Trade Zone

shanghai-1

[dropcap]L[/dropcap]e riforme cinesi a supporto dello sviluppo economico e commerciale per imprese domestiche e straniere continuano, questa volta orientate verso la costituzione di una zona franca nel cuore del più grande snodo doganale cinese.

La nuova Pilot Free Trade Zone copre un’area di circa 28 kmq e ha alcuni obiettivi concreti al centro della sua esistenza:
1) Nella zona franca si può registrare una società con procedure semplificate rispetto ad altre zone del Paese;
2) Si può rendere questa società operativa in tempi rapidi e con costi molto limitati;
3) La merce in transito nella zona franca non è soggetta a dazi, dogane e VAT, pertanto le aziende possono imputare questi costi solo all’atto della vendita agevolando il cash-flow della propria impresa;
4) Si può ottenere un servizio integrato logistico semplice ma curato in ogni suo dettaglio, agevolando i processi di entrata e uscita della merce che si vuole commercializzare;
5) La valuta RMB può essere convertita in maniera semplificata ottenendo così vantaggi finanziari.

La Shanghai Pilot Free Trade Zone rappresenta già un’importante opportunità soprattutto per quelle aziende che importano merce dall’estero che poi viene distribuita nel mercato cinese o per quelle aziende che utilizzano la Cina come base logistica per servire anche altri Paesi asiatici.

Riccardo Coli
r.coli@icloud.com

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.