Una redazione di oltre 50 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Significativo calo dei fallimenti in Italia nel terzo trimestre 2018 rispetto allo scorso anno (-11,2%)

Designed by Freepik

  • A livello regionale, nel terzo trimestre 2018 le aree più interessate dal fenomeno restano Lombardia, Lazio e Toscana
  • Tutti i settori mostrano un calo dei fallimenti a confronto con il 2017, i comparti che registrano cali più contenuti sono i Servizi e l’Edilizia

Continua il trend positivo in materia di fallimenti per le imprese in Italia. Secondo il quadro tracciato a settembre 2018 da CRIBIS – società del Gruppo CRIF specializzata nella business information – con l’Analisi dei fallimenti in Italia emerge un  nuovo calo di questo fenomeno a livello nazionale.

Nel terzo trimestre 2018 sono state 2.192 le imprese italiane ad aver portato i libri in Tribunale contro le 2.468 nello stesso periodo dell’anno precedente (-11,2%).

“Anche nel terzo trimestre 2018 la nostra analisi ha confermato la positiva inversione di tendenza in corso negli ultimi anni, con un calo importante dei fallimenti a confronto con lo stesso periodo del 2017” – commenta Marco Pretiamministratore delegato di Cribis – “Le imprese italiane stanno pian piano manifestando segnali di ripresa a vari livelli. Tutti i settori produttivi, quello industriale in primis, mostrano un miglioramento a confronto con il 2017”. 

FALLIMENTI IN ITALIA Q3 2018
VARIAZIONE CUMULATO RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE
(fonte: CRIBIS)

Dal punto di vista territoriale, la concentrazione di fallimenti mostra una maggiore incidenza nelle aree che registrano un numero più elevato di imprese, in linea con il tessuto industriale italiano.

Lombardia, Lazio e Toscana sono le regioni che rilevano il maggior numero di fallimenti nel terzo trimestre 2018, mostrando un’incidenza pari rispettivamente al 22,3% (1.844 casi), al 13% (1.078 casi) e all’8% (666 casi).

A seguire, nei primi dieci posti della classifica dei fallimenti vi sono: Campania (662 casi), Veneto (650 casi), Sicilia (568 casi), Emilia Romagna (539 casi), Piemonte (537 casi), Puglia (356 casi), Marche (231 casi), Calabria (212 casi), Sardegna e Umbria (176 casi).

FALLIMENTI IN ITALIA Q3 2018 – DETTAGLIO REGIONALE
(fonte: CRIBIS)

L’analisi dei settori merceologici mostra i dati più interessanti. Tutti i comparti rilevano, infatti, un calo rispetto al 2017. L’industria, in particolare, è il settore che registra la diminuzione più significativa (-11,6%), passando da 1.641 a 1.450 casi, seguita dall’edilizia (1.619), dai servizi (1.450) e dal commercio (2.259).

A confronto con il 2017 il settore che registra il calo meno significativo degli altri è quello dell’edilizia, in cui il numero delle imprese che hanno portato i libri in Tribunale a settembre 2018 è sceso solo del 4,3% rispetto al trimestre precedente.

Il comparto del commercio è ancora una volta quello che registra il più alto numero di fallimenti, seppur in calo del 4,7% a confronto con il 2017.

FALLIMENTI IN ITALIA Q3 2018 – DETTAGLIO PER SETTORE
(fonte: CRIBIS)

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.