Spending review in centro e periferia, ma boom della spesa per il welfare

 Spending review in centro e periferia, ma boom della spesa per il welfare

spending-review-2

[dropcap]I[/dropcap] dati elaborati dall’Ufficio studi della CGIA ci dicono che il taglio maggiore della spesa pubblica è attribuibile alle Amministrazioni locali, ma anche lo Stato centrale ha dato un significativo contributo in termini di riduzione delle uscite; tuttavia, questi risparmi sono stati “erosi” dalla crescita della spesa per le prestazioni sociali.

Tra il 2009 e il 2013 il miglioramento dei conti pubblici (pari a 45,8 miliardi di euro, al netto degli interessi) è il risultato di un incremento delle entrate di 48,4 miliardi e di un lieve aumento della spesa primaria di 2,6 miliardi.

La crescita delle entrate è dovuta quasi esclusivamente alle Amministrazioni centrali (+31,1 miliardi) e locali (+14,7 miliardi). Per quanto riguarda le spese, alla flessione registrata da parte dello Stato centrale (-9,3 miliardi) e soprattutto delle Amministrazioni locali (-16,3 miliardi), si contrappone la crescita degli Enti previdenziali (+28,1 miliardi), dovuta in gran parte all’aumento registrato dalle spese per il welfare.

In sintesi, combinando le variazioni delle entrate e delle spese, lo sforzo complessivo messo in campo dalle Amministrazioni centrali e locali è stato rispettivamente di 40,3 e 31 miliardi: tale surplus è stato tuttavia significativamente “eroso” dal contributo negativo degli Enti di previdenza (-25,5 miliardi).

«Il boom della spesa previdenziale registrato in questi ultimi anni – dichiara il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussiè solo parzialmente riconducibile all’aumento della spesa pensionistica. A fare esplodere le uscite sono state le spese per coprire le misure di sostegno al reddito, come la Cig in deroga e tutte le altre misure a sostegno dei lavoratori e delle famiglie colpite dalla crisi».

Più in dettaglio, si nota la crescita delle entrate tributarie (+39,2 miliardi), che si articola in +27,1 miliardi a carico delle Amministrazioni centrali e in +12,1 miliardi relativo alle Amministrazioni locali. I contributi sociali sono aumentati complessivamente di 3,1 miliardi, quasi integralmente imputabili agli Enti di previdenza.

Infine, per quanto concerne il dettaglio delle uscite, emerge la crescita delle prestazioni sociali (+28,1 miliardi), quasi completamente bilanciata da un calo delle spese in conto capitale (-24,2 miliardi), che al loro interno comprendono gli investimenti pubblici.

«La spesa per il personale – conclude Bortolussi nel quinquennio esaminato è diminuita di 6,9 miliardi: gran parte di questa flessione è attribuibile alle Amministrazioni locali che hanno tagliato per -4,1 miliardi. Nello stesso periodo, la spesa per consumi intermedi, che comprende gli acquisti di beni e servizi e i costi di funzionamento della PA, è diminuita di 0,5 miliardi. Tuttavia, ad una flessione di 0,8 miliardi da parte delle Amministrazioni centrali si contrappone una crescita di 0,3 miliardi da parte delle Amministrazioni locali».

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.