Stati Uniti, 2017: Internet supera la TV

 Stati Uniti, 2017: Internet supera la TV

Secondo le stime di eMarketer relative al mercato americano nel 2017 la pubblicità su Internet supererà per valore quella in TV.

Il mercato degli Stati Uniti anticipa quanto succede poi in maniera diffusa dall’altra parte dell’Atlantico in molti settori; per questo il dato è interessante anche per l’Italia. La quale ultima, poi, è uno dei paesi europei più ‘arretrati’ dal punto di vista media. Non solo in termini di infrastrutture, ma appunto anche in termini di investimenti pubblicitari.

Perché in Europa gli investimenti su Internet come mezzo pubblicitario sono, in alcuni casi, tutt’altro che arretrati. In UK, ad esempio, la rete è il primo medium su cui si pubblicizza – e lo è già da anni (dati: Google.com).  

Vediamo cosa succede negli Stati Uniti in termini di trend. E poi anche nel dettaglio.

La pubblicità in USA quest’anno crescerà, come mercato totale, di circa il +5% rispetto al 2015 (dati: eMarketer). Un po’ meno del previsto, è vero. Ma stiamo parlando di un settore sano, che vale 192 miliardi di dollari; settore che a sua volta quest’anno è cresciuto grazie a 1) le presidenziali e 2) le Olimpiadi di Rio 2016.

Internet nel 2016 chiuderà a 69 miliardi di dollari, in crescita; la TV lo ha visto avanzare di anno in anno e – andando a chiudere a 70 billions l’anno in corso – vede il nuovo che avanza sempre più vicino. Dentro al digital, non stupisce, gli investimenti che crescono di più sono quelli su mobile: vale il 63% della pubblicità.

In questo mercato digitale ci sono player conosciuti ed amati/odiati. Aziende del tech votate all’innovazione, che vanno all’attacco del totale mercato US dalle loro sedi della Silicon Valley. Parliamo di Google, ma parliamo anche di social consolidati come Facebook od in ascesa come Snapchat. Ed infine parliamo anche di online retailers, come Amazon.

Per ora i valori in campo sono ben definiti. Google varrà nel 2017 ben 34 miliardi, la metà del totale. Sarà quindi il driver numero 1 del sorpasso. Ma Facebook vale già 15 billions. E Snapchat, venuto su dal nulla, fatturerà 0,8 miliardi in pubblicità, nel 2017.

Ma ci sono anche nuovi attori, che forse non ti aspetti di trovare alla voce ADV, ma che hanno le spalle larghe a sufficienza per sovvertire le regole del mercato pubblicitario: Amazon fatturerà già 1 miliardo di dollari nel 2016, con la pubblicità. Immagino che sentiremo parlare sempre di più del colosso di Bezos, anche sotto questa voce.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.