Strumenti di gestione

 Strumenti di gestione

management-4

[dropcap]A[/dropcap]ccade spesso che un manager senta il bisogno di avere un qualche strumento per prevedere le conseguenze di una decisione.

In un business game questo sarebbe possibile: basta fornire ad ogni partecipante un semplice programmino e ciascuno potrebbe verificare “cosa succede se” e anche “che fare per ottenere cosa” (“What if” e “How to”). Ma la realtà è ben diversa.

Nei periodi di grandi cambiamenti non è semplice fare previsioni. Stiamo assistendo a grandi cambiamenti in tutti i settori che interessano la vita delle imprese: finanza, tecnologia e mercato. È tempo quindi di grandi cambiamenti anche nella gestione delle imprese: avranno probabilità di permanere solo quelle imprese che avranno imparato a vivere in maniera dinamica, capaci di grande flessibilità organizzativa e che sapranno adattarsi rapidamente per affrontare le nuove sfide del mercato. Gestire nel cambiamento vuole dire quindi per un imprenditore/manager prima di tutto non dare niente per scontato ed acquisito: tutti quelli che erano considerati punti fermi di una gestione professionale hanno o stanno dimostrando le loro debolezze. Grandi imprese a livello mondiale, che si pensava solidissime ed eterne, gestite seguendo tutte le più moderne regole del management, sulla cui storia organizzativa sono stati scritti volumi ancora oggi studiati nelle migliori scuole ed università del mondo, sono oggi in crisi. E questo in tutti i settori: l’informatica, l’elettronica, la meccanica, l’energia, i trasporti… Non è quindi possibile adottare dei modelli organizzativi e gestionali sicuri e collaudati; non è quindi più possibile seguire regole fisse, è però imperativo restare legati a dei principi generali.

Nello sviluppare un corso per manager/imprenditori è necessario mettere in pratica alcuni principi generali dell’apprendimento continuo.

  • L’apprendimento continuo è alla base del successo dell’impresa.
  • Il successo di un’impresa presuppone la capacità di perseguire con continuità e sistematicità i processi e gli obiettivi dell’impresa.
  • Esistono diversi principi e metodologie per sviluppare questa capacità.
  • Nessuna azienda può esistere senza clienti e i clienti vanno curati come un grande patrimonio dell’azienda, se si vuole che essi siano gli ambasciatori e i “venditori” dell’azienda e dei suoi prodotti o servizi. Su questo argomento si è scritto molto. Esistono varie metodologie e strumenti per fare in modo che tutte le risorse umane dell’azienda comprendano e facciano proprio questo modo di pensare e di agire: il cliente viene prima di tutto, il cliente è il solo che può licenziare tutti, il cliente è il vero padrone dell’azienda.

Immaginare che questo modo di pensare possa essere trasferito alle risorse umane nel modo tradizionale, vale a dire con i sistemi tradizionali di formazione, è assolutamente una gran perdita di tempo e denaro. La (tras)formazione da un approccio aziendocentrico ad uno clientocentrico deve basarsi su cinque fondamentali principi dell’apprendimento, se si vuole che le persone crescano continuamente e siano sempre pronte al cambiamento.

A questo punto è necessario utilizzare semplici strumenti di analisi e seguire alcuni semplici principi.
Lo strumento può essere una check list che elenchi per il settore di mercato da analizzare:

  1. la situazione attuale del mercato;
  2. il grado di variazione del mercato (stabile, abbastanza stabile, variabile, molto variabile e fuori controllo);
  3. i parametri che causano il cambiamento e per ciascuno di essi l’effetto del cambiamento.

Completare la check list basandosi su dati reperibili e su esperienza acquisita ci permetterà di gettare le basi per una pianificazione della strategia di marketing. Inoltre il cercare di definire il livello di “caoticità'” del mercato ci permetterà di identificare e utilizzare a nostro vantaggio i parametri potenziali del cambiamento. La comprensione della dinamica del cambiamento ci consentirà di utilizzare in anticipo fattori altamente destabilizzanti quali l’innovazione, la distribuzione o il sistema organizzativo.

Giuseppe Monti
http://progettoinnesto.it

Giuseppe Monti

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.