STUDI CONFARTIGIANATO – In 14 settori recupero dei volumi del made in Italy pre-pandemia. Il dollaro si apprezza, Usa mercato più dinamico nel 2022 (+30%)

 STUDI CONFARTIGIANATO – In 14 settori recupero dei volumi del made in Italy pre-pandemia. Il dollaro si apprezza, Usa mercato più dinamico nel 2022 (+30%)

La manifattura italiana sta affrontando l’estate 2022 in un contesto di forte turbolenza, caratterizzato da quattro differenti gravi emergenze – alimentare, idrica, energetica e del lavoro – che seguono altre criticità manifestate negli ultimi 27 mesi, in primis quella sanitaria, seguita dalla crisi delle materie prime, dalle strozzature nelle catene globali del valore, tra cui la grave carenza di offerta di semiconduttori, e dalla frenata della Cina.

Sulle imprese del made in Italy gravano gli ostacoli derivanti dall’allungamento dei tempi di consegna e della scarsità di materiali, fenomeno più marcato nei settori dei macchinari e delle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Nonostante tutto, le imprese italiane appaiono rafforzare le proprie posizioni sui mercati globali, come emerge dal report ‘Ultime tendenze del made in Italy: prodotti e mercati’ che l’Ufficio Studi di Confartigianato ha presentato nel corso di un webinar organizzato dalla Camera di Commercio di Pistoia e Prato, in collaborazione con l’Ufficio internazionalizzazione di Confartigianato Imprese Prato. Qui per scaricare il report.

Il confronto internazionale sull’andamento delle esportazioni evidenzia che nel 2022 il valore delle vendite all’estero delle imprese italiane risulta del 14,4% superiore ai livelli pre-crisi, un recupero di intensità doppia a rispetto al +7,2% registrato dalla Germania, maggiore paese manifatturiero nell’Ue a 27, e ampiamente superiore al +2,5% della Francia.

I settori che recuperano i volumi pre-pandemia – La crescita dei prezzi alla produzione, in un contesto caratterizzato dalla trasmissione sulle filiere produttive di forti tensioni inflazionistiche, sta gonfiando il valore delle esportazioni. A tal fine il report dell’Ufficio Studi ha esaminato le tendenze dei volumi esportati. L’analisi degli indici forniti dall’Istat evidenzia che negli ultimi dodici mesi a marzo 2022, in 14 settori si registra un recupero dei volumi esportati nell’anno pre-pandemia, il 2019: nel dettaglio si tratta di altri mezzi trasporto (+20,5%), altri mezzi trasporto (20,5%), bevande (12%), alimentari (10,3%), computer ed elettronica (8,9%), mobili (8,4%), vetro, ceramica, cemento… (7,6%), prodotti chimici (7,1%), farmaceutici (6,5%), app. elettriche (3,5%), altre manifatturiere (2,9%), carta (2,4%), metallurgia (1,4%), prodotti metallo (1,1%) e legno, con volumi identici a quelli del 2019. In ritardo il recupero per prodotti raffinati (-3,1%), gomma e materie plastiche (-3,9%), tessile (-5,6%), macchinari (-6,3%), autoveicoli (-6,9%), pelle (-9,6%), abbigliamento (-11,6%). Si confermano le tendenze emerse nell’ultimo report di Confartigianato sulla moda, il comparto manifatturiero che ha subito l’impatto più rilevante della crisi innescata dalla pandemia, pur registrando il più forte rimbalzo della produzione nel corso del 2022.

In chiave territoriale, una nuova analisi pubblicata dall’Ufficio Studi di Confartigianato Vicenza esamina, con la metodologia sviluppata nell’ambito degli Osservatori in rete, il trend depurato dall’effetto prezzo dell’export vicentino nel primo trimestre del 2022.

I mercati di destinazione del made in Italy – Nei primi quattro mesi del 2022 il mercato più dinamico risulta quello degli Stati Uniti, con l’export che segna una crescita tendenziale del +29,9% – sostenuta dal progressivo apprezzamento del dollaro contro l’euro, con un tasso di cambio prossimo alla parità – seguito da Spagna (+27,6%), Belgio (+26,9%) e Austria (+24,9%). I due maggiori paesi clienti del made in Italy, Germania e Francia, segnano rispettivamente una crescita del 17,1% e del 17,7%, valori inferiori alla media dell’export (+20,7%), mentre è in controtendenza la Cina, con un calo del 3%, e la Russia.

Invasione dell’Ucraina e il calo dell’export in Russia – Nei primi quattro mesi del 2022 l’export verso la Russia, che segna una caduta del 19,3% rispetto all’anno precedente, conseguentemente allo scoppio della guerra in Ucraina e alle sanzioni dell’Ue. Nei primi sei comparti, dove si addensa oltre i tre quarti (76,7%) del made in Italy in Russia, le flessioni più marcate si osservano per macchinari e apparecchi (-26%), prodotti delle altre attività manifatturiere  (-22%), moda – prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori (-21,8%), prodotti chimici (-16,6%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (-13,8%), mentre, in conseguenza del forte aumento dei prezzi, il comparto dei metalli di base e prodotti in metallo segna un aumento (+5,0%).

Le imprese – La buona performance della manifattura italiana, risultante dagli indicatori di produzione e di vendite all’estero si associa ad una crescente efficienza delle imprese: tra il 2021 e il 2019, infatti, la produttività, misurata dal valore aggiunto a prezzi costanti per ora lavorata, cresce del 2,5% un ritmo doppio del totale economia (+1,1%). La maggiore propensione a creare valore coinvolge anche le 232 mila imprese artigiane manifatturiere, che danno lavoro a 899 mila addetti, pari al 23,9% dell’occupazione del settore e il 5,2% dell’occupazione delle imprese in tutti i settori. Nell’ Appendice statistica ‘Imprese e artigianato Manifattura nel territorio’ il quadro per regione e provincia, delle imprese artigiane e totale imprese della manifattura e relativi addetti. 

Dinamica ultimi 12 mesi a marzo 2022 rispetto pre-crisi di volumi esportati per settore

aprile 2021-marzo 2022, variazione % cumulata volume rispetto a 2019 – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

 

Dinamica tendenziale delle esportazioni nei 17 principali paesi di destinazione

Primi 4 mesi 2022. Var. % su spesso periodo del 2021. 70,8% del totale esportazioni italiane – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

 

Cambio euro/dollaro nell’arco di in quindici anni

Dati mensili, gennaio 2007-giugno 2022, dollari USA per 1 euro, con media primi sei mesi dell’anno –  Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

 

 

Trend export in Russia nei primi quattro mesi del 2022 per comparto

Gennaio-aprile 2022, var. ass. in milioni di euro e var. % rispetto stesso periodo 2021 – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.