STUDI CONFARTIGIANATO – Internet delle cose: processi ‘intelligenti’ nel 31% delle piccole imprese italiane, +5 punti vs 26% in Ue a 27

 STUDI CONFARTIGIANATO – Internet delle cose: processi ‘intelligenti’ nel 31% delle piccole imprese italiane, +5 punti vs 26% in Ue a 27

L’analisi dei dati della rilevazione sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle imprese italiane diffusi ieri dall’Istat – ed estesa da Eurostat ai 27 paesi dell’Unione europea – fornisce un ampio e articolato aggiornamento sull’utilizzo delle tecnologie digitali da parte del sistema imprenditoriale.

Per quanto riguarda l’Internet delle cose (Iot, acronimo di Internet of things), relativo a all’interconnessione di singoli dispositivi o sistemi di dispositivi che raccolgono e scambiano dati e che possono essere monitorati o controllati via Internet, il 31% delle piccole imprese nel 2021 utilizza questa tipologia di dispositivi Iot, cinque punti sopra al 26% della media Ue a 27. La diffusione di tecnologie Internet of things tra le piccole imprese in Italia è di poco inferiore a quella rilevata in Germania (34%), mentre risulta ampiamente superiore a quella delle omologhe in Spagna (26%) e in Francia (20%).

La presenza di almeno due tecnologie Iot si rileva nel 18,4% delle piccole imprese mentre un cluster più evoluto, pari al 9% delle piccole imprese, utilizza almeno tre dispositivi intelligenti Iot.

Le tecnologie Iot – Tra le piccole imprese che hanno fatto ricorso a Internet delle cose risulta più diffuso l’utilizzo di dispositivi per la sicurezza dei locali dell’impresa come, ad esempio, sistemi intelligenti o smart di allarme (74,3%), per la manutenzione di macchine o veicoli attraverso sensori monitorati o controllati via Internet (27,5%), per i processi di produzione, come sensori o etichette RFID controllati via Internet e usati per monitorare o automatizzare il processo (23,3%),  per la gestione del consumo di energia mediante contatori, lampade, termostati “intelligenti” o smart (22,3%), per la gestione della logistica mediante sensori controllati/monitorati via Internet per tracciare il movimento di veicoli o prodotti (20,8%), per l’offerta di servizi ai clienti, ad esempio, mediante telecamere o sensori “intelligenti” connessi per monitorare le attività della clientela o offrire loro un’esperienza di acquisto personalizzata (17,2%).

La diffusione di Iot nei settori – In chiave settoriale, l’utilizzo di almeno un dispositivo Iot più elevato si registra nel settore dell’energia (45,9%), seguito da attività immobiliari (42,5%), raffinazione del petrolio (40,7%), nell’alimentare e bevande (40,3%), telecomunicazioni (39,8%) e fabbricazione di apparecchiature elettriche (39,6%), trasporto e magazzinaggio (38,5%),  produzione cinematografica, video e programmi televisivi (37,8%), altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature (37,4%), alloggio (36,1%) e metallurgia  e prodotti in metallo (36,1%). Quota elevata anche per le costruzioni, pari al 36,0%, in linea con il 36,5% della manifattura, dove domotica e installazione di impianti – qui la presentazione dell’Ufficio Studi dell’ultimo report sul settore – utilizzano in modo esteso tecnologie smart per l’utilizzo di apparecchiature domestiche, l’ottimizzazione dei consumi di energia e per la gestione di sistemi di sicurezza.

Per approfondire le relazioni tra tecnologie e il sistema delle piccole imprese si rimanda al Rapporto annuale curato dall’Ufficio Studi ‘NOI R-ESISTIAMO. Dalla parte delle piccole imprese’.

Diffusione di Internet delle cose nelle piccole imprese nei paesi Ue a 27

2021, % piccole imprese 10-49 addetti con almeno una tecnologia Iot – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat


 
Internet delle cose nelle piccole imprese per tecnologia

2021, % piccole imprese Italia – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

Imprese italiane e Internet delle cose per comparto

2021, % imprese con 10 addetti e oltre – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.