STUDI CONFARTIGIANATO – Italia leader europea della piccola impresa diffusa

 STUDI CONFARTIGIANATO – Italia leader europea della piccola impresa diffusa

In Italia il 99% della struttura imprenditoriale è composta da micro e piccole imprese (MPI) che, nel confronto europeo su dati Eurostat, determinano il 62,8% dell’occupazione delle imprese, superiore al 48,5% della media dell’Unione europea a 27 e al 40,8% della Germania e al 38,4% della Francia. L’Italia è il primo paese europeo per occupazione nelle MPI del manifatturiero con 1 milione 902mila addetti, il 17,5% in più rispetto ad 1 milione 618mila della Germania. Le imprese artigiane sono 1.284.198, il 21,2% delle imprese e con 2.613.608 addetti contribuiscono per il 15,0% degli occupati nelle imprese.

I numeri chiave delle Piccole Imprese e dell’Artigianato italiano

Microimprese (fino a 10 addetti): 4.211.615, il 95,1% delle imprese attive
Occupati nelle microimprese: 7.489.913, il 43,7% degli occupati delle imprese attive
Micro e Piccole imprese (MPI, fino a 49 addetti): 4.399.289, il 99,4% delle imprese attive
Occupati nelle MPI: 10.863.105, il 63,4% degli occupati delle imprese attive*
Imprese artigiane registrate: 1.284.198, il 21,2% delle imprese
Imprese artigiane nate ogni giorno del 2021: 321
Imprese artigiane attive con dipendenti: 405.291
Occupati indipendenti nell’artigianato: 1.303.080
Dipendenti nell’artigianato: 1.310.528
Occupati nelle imprese artigiane attive: 2.613.608, il 15,0% degli occupati nelle imprese attive
Valore aggiunto nell’artigianato: 154.081 milioni di euro, il 9,7% del totale

*Elaborazione su dati Istat, non confrontabile con dato di fonte Eurostat; Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su ultimi dati disponibili di  fonte Eurostat, Inps, Inapp, Istat, Unioncamere-Infocamere e Unioncamere-Centro Studi delle Camere di Commercio Guglielmo Tagliacarne

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.