Studi di settore, nel 2012 il regime premiale segna +71%

 Studi di settore, nel 2012 il regime premiale segna +71%

regime-premiale-2

[dropcap]N[/dropcap]el 2012 triplo balzo in avanti per il Regime “premiale”. Cresce del 71 per cento la platea dei soggetti che hanno beneficiato dei vantaggi, tra i quali l’esclusione dagli accertamenti analitico-presuntivi, previsti dal Decreto Salva Italia per i contribuenti congrui e coerenti in relazione a specifici studi di settore. Le analisi statistiche effettuate sui dati dichiarati, inoltre, rilevano un aumento sia dei ricavi che dei redditi dichiarati dalle imprese interessate dal nuovo istituto, che segnano rispettivamente + 1,8 miliardi di euro e + 815 milioni di euro.

Boom di adesioni nel 2012
Balzo in avanti del 71% del numero di contribuenti che sono stati interessati dal regime premiale. Nel 2012 sono stati circa 342mila, 142mila in più rispetto al 2011, i contribuenti che hanno beneficiato dell’esclusione dagli accertamenti analitico-presuntivi, della riduzione di un anno dei termini di decadenza per l’attività di accertamento e della possibilità di determinazione sintetica del reddito complessivo, solo nel caso in cui lo stesso ecceda di almeno un terzo quello dichiarato (invece che di un quinto come ordinariamente previsto).

Chi può accedere al regime premiale
Possono accedere al regime premiale i contribuenti che dichiarano ricavi pari o superiori a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore, che hanno regolarmente assolto gli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore e che risultano coerenti e normali con gli specifici indicatori previsti dai decreti di approvazione degli studi di settore.

Le previsioni per il 2013
Secondo le stime presentate questa mattina, nel corso dell’incontro con le associazioni di categoria sul regime premiale, per il 2013 passerebbero a 99 gli studi “premiati”, 9 in più rispetto al 2012. Inoltre, secondo le stime realizzate con il contributo della Sose, tenuto conto delle modifiche agli studi di settore introdotte per il p.i. 2013, sarebbero quasi 250mila i contribuenti che beneficeranno del regime premiale, rispetto a una platea di soggetti potenzialmente interessati di oltre un milione di contribuenti.

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.