UniCredit e IFC (World Bank) siglano un accordo da 500 milioni di euro a sostegno del commercio internazionale nei mercati emergenti

 UniCredit e IFC (World Bank) siglano un accordo da 500 milioni di euro a sostegno del commercio internazionale nei mercati emergenti

globe-1130870_640

UniCredit ha firmato ieri con International Finance Corporation (IFC), parte della World Bank, un accordo preliminare per promuovere il finanziamento degli scambi commerciali con i paesi emergenti grazie a uno stanziamento di 500 milioni di euro.

L’intesa – che prende il nome di Global Trade Liquidity Program (GTLP) – prevede la creazione di uno schema di risk-sharing facility che renderà più semplici le operazioni di conferma di lettere di credito export o stand-by L/C legate a transazioni commerciali  soggette a garanzia bancaria in una serie di mercati emergenti.

Una volta perfezionato, il “Risk Participation Agreement” per la condivisione di rischi di trade finance  consentirà a UniCredit di coprire i rischi derivanti da lettere di credito e/o stand by letters of credit quando emesse da banche/paesi pre-autorizzati da IFC per importi e durate predeterminati.

L’accordo prevede la condivisione di rischio su 38 mercati emergenti – principalmente in Africa e Sud-Est Asiatico – e 138 banche corrispondenti di UniCredit.

Questo tipo programma finanziario è molto importante soprattutto per le medie imprese che esportano nei paesi emergenti e allo stesso tempo  per i partner bancari, che diversamente non potrebbero aumentare l’esposizione verso il paese e la banca di destinazione dell’esportazione.

«Questo accordo avviene in un momento delicato per l’economia di molti mercati emergenti particolarmente legati al petrolio e alle materie prime in genere» ha dichiarato Gianni Franco Papa, Vice Direttore Generale, Responsabile della Divisione Corporate & Investment Banking. «È  mirato a dare nuovo impulso all’interscambio commerciale soprattutto verso mercati dove le imprese italiane hanno un’esposizione ancora relativamente contenuta e quindi esistono notevoli opportunità di crescita per l’export.  Il nostro obiettivo è quello di accompagnare la crescita delle aziende italiane nel mondo, grazie alla presenza in 50 mercati internazionali».

Dimitris Tsitsiragos, Vice President Global Client Services, IFC ha commentato: «UniCredit è un partner chiave per IFC, uno dei più attivi in termini di impegno sui mercati europei per i nostri programmi di supporto al commercio internazionale. Questo nuovo accordo aiuterà a sviluppare l’interscambio con i paesi emergenti in questo periodo di turbolenze di mercato».

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.