Veeam: non si può dare un prezzo all’impatto umano dei dati

 Veeam: non si può dare un prezzo all’impatto umano dei dati

Spesso nel settore tecnologico si parla di come i dati possano essere utili alle aziende. E giustamente, perché i dati sono probabilmente la risorsa più preziosa di un’azienda. Tuttavia, non sempre si parla abbastanza di come i dati migliorino la vita delle persone. Quando, in definitiva, questo è il loro scopo.

I risultati che i dati rendono possibili possono avere un impatto umano reale in una gamma incredibilmente ampia di scenari. I dati contribuiscono alla nostra comprensione della storia umana, sia che si tratti di scoprire il nostro patrimonio familiare, sia che si tratti di capire meglio la vita delle persone e la loro storia. Un grande esempio di questo è dato dalla storia personale di un gruppo di amici subacquei e di me che siamo stati in grado di risolvere un mistero secolare utilizzando i dati. Dati che erano disponibili da molto tempo, ma che semplicemente non erano stati analizzati con strumenti abbastanza sofisticati da fornire le risposte.

Il mistero era quello di un naufragio al largo di Portsmouth, nel Maine, di cui sono venuto a conoscenza per la prima volta in un libro intitolato Due to Enemy Action. Si trattava dell’ultima nave da guerra della Marina statunitense affondata nell’Oceano Atlantico durante la Seconda Guerra Mondiale, due settimane prima della fine della guerra. Alcuni dei 13 sopravvissuti affermarono di aver avvistato un U-Boat tedesco dopo l’esplosione della loro nave, ma la Marina respinse queste testimonianze, ritenendo che non ci fossero U-Boat che operavano così vicino alle coste statunitensi in questa fase della guerra. Nessuno ha mai trovato quella nave, così io e i miei amici abbiamo iniziato un’audace missione per farlo. Oltre a trovare il relitto, volevamo rispondere alla domanda se fosse stato silurato da un U-Boat tedesco – l’ipotesi che le autorità avevano scartato come impossibile. Oppure se fosse affondata a causa dell’esplosione di una caldaia, un’ipotesi che avrebbe avuto conseguenze tragiche per gli ingegneri che lavoravano sulla nave e per i sopravvissuti alla tragedia.

Dopo cinque anni di ricerche, abbiamo trovato la nave. Abbiamo anche scoperto che le caldaie erano ancora intatte, ma non c’erano prove dell’impatto di un siluro a poppa della nave. Questo ha avuto conseguenze che hanno cambiato la vita delle vittime, dei sopravvissuti e delle loro famiglie. Se da un lato questo mi riempie di enorme orgoglio, dall’altro fa emergere il vero potere dei dati. Molti dei dati che abbiamo utilizzato per trovare il relitto erano già stati raccolti. Esistevano già. Avevamo tutte le informazioni necessarie per trovare il relitto e determinare la vera ragione della sua scomparsa. Ciò che non era disponibile per coloro che l’avevano cercato prima di noi erano il cloud e gli strumenti avanzati di analisi dei dati. I dati hanno trovato la nave e fortunatamente io posso raccontarne la storia.

I dati migliorano il nostro quotidiano

A livello profondo, è un pensiero positivo pensare che potremmo avere la risposta a molte delle domande apparentemente irrisolvibili della vita. È proprio lì, nei dati – li abbiamo, ma non li abbiamo ancora trovati. Su un piano più pratico, i dati ci stanno semplificando la vita, aiutandoci a ottenere più velocemente e più risultati ogni giorno. La pandemia di Covid-19 ne è stata un chiaro esempio. Come persone abbiamo affrontato una sfida generazionale, che ha minacciato il nostro intero stile di vita e le nostre strutture socioeconomiche. Ma i dati, nel senso più ampio del termine – che si tratti di e-mail, videoconferenze o pagamenti digitali – hanno permesso alle aziende di continuare a lavorare e alle persone di comunicare.

Inoltre, con l’aiuto di strumenti di automazione più avanzati, di soluzioni di intelligenza artificiale (AI) e di apprendimento automatico, i dati stanno aumentando la nostra capacità cognitiva. L’elaborazione ad alte prestazioni nel cloud consente agli ingegneri del settore automobilistico e aeronautico di utilizzare la fluidodinamica computazionale e le simulazioni per progettare veicoli più veloci, aerodinamici e a basso consumo di carburante. Nel frattempo, la diagnostica clinica avanzata consente ai medici e agli operatori sanitari di diagnosticare e trattare le malattie in modo più efficace che mai. Questi sono solo due esempi di come i dati stiano dando un contributo positivo alla società umana e le possibilità di utilizzo sono infinite.

Ecco perché è così importante gestire e proteggere i dati in nostro possesso. Sono una risorsa inestimabile per le aziende, un identificatore unico per noi esseri umani e una risorsa che cresce di valore ogni giorno. Con l’aumento del volume e del valore dei dati, aumentano anche le minacce alla loro sicurezza e privacy. Ecco perché qualsiasi organizzazione che voglia sfruttare l’enorme potenziale dei dati per trasformare la propria organizzazione o il servizio offerto ai clienti deve investire in una moderna strategia di protezione dei dati. Dopo tutto, se avessimo perso i dati utilizzati per trovare quella nave, avremmo perso un pezzo di storia, forse per sempre.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.