Una redazione di oltre 50 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Vendere negli USA senza dazi spedendo dall’Italia è possibile

Designed by Kjpargeter

Investire nel mercato americano vuol dire fare i conti con un mercato diverso, ma non per questo più difficile. Anzi: dal 10 Marzo 2016 sulle spedizioni di ordini di valore inferiore a 800 dollari non è previsto alcun dazio e hanno una procedura doganale di importazione semplificata. Una regola doganale perfetta per l’e-commerce. Si risparmia tempo e burocrazia, mancanze che in Italia i commercianti lamentano da tempo.

La merce che arriva negli Stati Uniti il cui valore dichiarato è inferiore a 800 dollari viene quindi sdoganata senza bisogno di ulteriore documentazione da parte dell’Ufficio doganale (CBP) quindi senza alcuna applicazione di oneri e dazi doganali. Al contrario, le spedizioni di valore superiore a 800 dollari sono soggette al calcolo di dazi e tasse doganali in base alla classificazione delle tariffe.

A ottobre 2018 è stato stimato un rilevante aumento congiunturale per le esportazioni dall’UE (+5,3%) e gli Stati Uniti rappresentano un mercato importantissimo per molti settori del business italiano (+22,3%). Gli USA contribuiscono per circa il 40% all’aumento dell’export al lordo delle differenze nei giorni lavorativi. Quali sono i prodotti più esportati? Medicinali, macchinari e alimentari.

I prodotti che gli americani possono comprare senza dazio

Se un privato acquista un prodotto straniero e il valore complessivo di quest’ultimo non supera gli 800 dollari, non vengono applicati dazi. Questo ragionamento non esclude il settore B2B, quindi vale per un’azienda che acquista da fornitore straniero. Il limite degli 800 dollari si applica al valore complessivo dell’ordine da spedire in America: quindi se un cliente compra 5 prodotti il cui prezzo unitario è di 100 dollari, il valore complessivo dell’ordine è di 500 dollari e la spedizione rientra nell’esenzione del dazio.

La convenienza per chi esporta in America va anche oltre: la norma vale per gli ordini spediti a una persona in un giorno. Di conseguenza se una ditta italiana spedisce in America, nello stesso giorno, due ordini ciascuno di valore inferiore a 800 dollari, a due persone differenti, entrambe le esportazioni sono esenti da dazio e hanno procedura doganale di importazione semplificata. Unico obbligo del cliente americano destinatario è quello di conservare la documentazione della spedizione dell’ordine per due anni.

Questa regola non si applica per i prodotti alimentari, che quindi non hanno accesso alla procedura semplificata: pagano sempre dazio se questo è previsto e hanno la procedura di sdoganamento regolare.

Cosa cambia con l’amministrazione Trump

Anche se l’attuale presidente americano ha più volte dichiarato guerra alle importazioni, in realtà la maggior parte delle merci importate dagli USA sono soggette a un dazio pari a zero. Ad essere stati colpiti sono gli importatori di acciaio e alluminio, mentre i prodotti di consumo, come calzature ed abbigliamento, hanno dei dazi che variano a seconda del paese di provenienza del materiale. Ad esempio, un capo di abbigliamento prodotto in Vietnam con un certo materiale può avere il 30% di tassazione, mentre alla stessa maglietta prodotta in Messico non vengono applicati dazi.

I prodotti industriali hanno dazi irrisori o addirittura nulli, mentre i prodotti alimentari le quote cui fare riferimento per il calcolo dei dazi esistono solo per i formaggi di latte di vacca e sono quote relative (il dazio aumenta dopo che le quote import sono state raggiunte, ma si può comunque continuare a importare).

Le opportunità offerte per gli e-commerce

La possibilità di non pagare dazi sui prodotti inviati negli Stati Uniti è ovviamente un buon modo per approdare al mercato americano senza investire una fortuna. Di fatto la norma “dazi zero” si traduce nella possibilità di vendere online negli Stati Uniti a costi bassi spedendo direttamente dall’Italia. I processi doganali americani, molto più snelli di quelli italian, porta inoltre ad un accorciamento dei tempi di consegna del prodotto, che vuol dire miglior servizio per l’acquirente.

a cura di ExportUSA

a cura di ExportUSA

ExportUSA New York Corp. è una società di diritto statunitense basata in America, a New York, e con uffici in Italia, a Rimini. Export USA è stata fondata nel 2003 per fornire alle piccole e medie imprese italiane tutti i servizi necessari per esportare con successo negli Stati Uniti. https://www.exportusa.us/

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.