Via libera definitivo del Consiglio alla direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità

 Via libera definitivo del Consiglio alla direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità

Il Consiglio ha approvato in via definitiva la direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità.

Ciò significa che le imprese saranno presto tenute a pubblicare informazioni dettagliate in merito alle questioni di sostenibilità, il che aumenterà la responsabilità di un’impresa, eviterà norme di sostenibilità divergenti e faciliterà la transizione verso un’economia sostenibile.

Le nuove norme renderanno un maggior numero di imprese responsabili del loro impatto sulla società e le guideranno verso un’economia a vantaggio delle persone e dell’ambiente. I dati sull’impronta ambientale e sociale saranno disponibili al pubblico, ossia di chiunque sia interessato a tale impronta. Allo stesso tempo, i nuovi requisiti ampliati sono adattati alle varie dimensioni delle imprese e forniscono loro un periodo transitorio sufficiente per prepararsi.

Jozef Síkela, ministro dell’Industria e del commercio

In termini pratici, le imprese dovranno comunicare informazioni sul modo in cui il loro modello aziendale incide sulla loro sostenibilità e su come fattori di sostenibilità esterni (ad esempio i cambiamenti climatici o le questioni relative ai diritti umani) influenzano le loro attività. Ciò consentirà agli investitori e alle altre parti interessate di prendere decisioni informate sulle questioni di sostenibilità.

La direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità modifica la direttiva sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario del 2014 e rafforza le norme vigenti in materia di comunicazione di informazioni di carattere non finanziario, che non sono più adeguate alla transizione dell’UE verso un’economia sostenibile.

Nuove norme in materia di informativa per le imprese

La direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità introduce obblighi di comunicazione più dettagliati e garantisce che le grandi imprese siano tenute a comunicare informazioni in merito alle questioni di sostenibilità, come i diritti ambientali, i diritti sociali, i diritti umani e fattori di governance.

Le nuove norme in materia di comunicazione sulla sostenibilità si applicheranno alle grandi imprese di interesse pubblico con più di 500 dipendenti, a tutte le grandi imprese con più di 250 dipendenti e con un fatturato di 40 milioni di EUR e a tutte le società quotate in mercati regolamentati ad eccezione delle microimprese. Queste imprese sono anche responsabili della valutazione delle informazioni applicabile alle imprese figlie.

Le norme si applicano anche alle PMI, tenendo conto delle loro specificità. Per le PMI sarà possibile una deroga (“opt-out”) durante un periodo transitorio, che le esenterà dall’applicazione della direttiva fino al 2028.

Per quanto riguarda le imprese non europee, l’obbligo di presentare una relazione sulla sostenibilità si applica a tutte le imprese che realizzano ricavi netti delle vendite e delle prestazioni superiori a 150 milioni di EUR nell’UE e che hanno almeno un’impresa figlia o una succursale nell’UE. Queste imprese devono fornire un’informativa sui loro impatti in materia ambientale, sociale e di governance (“ESG”) come indicato nella direttiva.

Il Gruppo consultivo europeo sull’informativa finanziaria (EFRAG) sarà incaricato di elaborare norme europee, previo parere tecnico di diverse agenzie europee.

Data di applicazione

Il regolamento si applicherà in quattro fasi:

  • nel 2025, comunicazione sull’esercizio finanziario 2024 per le imprese già soggette alla direttiva sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario
  • nel 2026, comunicazione sull’esercizio finanziario 2025 per le imprese attualmente non soggette alla direttiva sulla comunicazione di informazioni di carattere non finanziario
  • nel 2027, comunicazione sull’esercizio finanziario 2026 per le PMI quotate, gli enti creditizi piccoli e non complessi e le imprese di assicurazione captive
  • nel 2029, comunicazione sull’esercizio finanziario 2028 per le imprese di paesi terzi

Informazioni generali

Il 21 aprile 2021 la Commissione europea ha presentato la proposta di direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità nell’ambito del Green Deal europeo e del programma in materia di finanza sostenibile.

L’obiettivo della direttiva è quello di colmare le lacune nelle norme vigenti in materia di informazioni di carattere non finanziario. I mercati finanziari hanno bisogno di accedere a informazioni in materia ambientale, sociale e di governance affidabili, pertinenti e comparabili affinché il capitale privato sia indirizzato verso il finanziamento della transizione verde e sociale. La divulgazione di informazioni sulla sostenibilità potrebbe attrarre ulteriori investimenti e finanziamenti per facilitare la transizione verso un’economia sostenibile quale delineata nel Green Deal.

Il 24 febbraio 2022 gli Stati membri dell’UE hanno approvato all’unanimità la posizione del Consiglio sulla proposta di direttiva relativa alla comunicazione societaria sulla sostenibilità.

Il 21 giugno 2022 il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulla direttiva, che è stato approvato dai rappresentanti degli Stati membri dell’UE il 30 giugno 2022.

Prossime tappe

In seguito all’approvazione della posizione del Parlamento europeo da parte del Consiglio in data odierna, l’atto legislativo è adottato.

Dopo la firma da parte della presidente del Parlamento europeo e del presidente del Consiglio, l’atto sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea ed entrerà in vigore 20 giorni dopo. Le nuove norme dovranno essere attuate dagli Stati membri 18 mesi dopo l’entrata in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.