Una redazione di oltre 100 collaboratori, esperti delle tematiche che stanno a cuore alle imprese

Wto: Mise, risultato storico e opportunità per pmi italiane

“L’accordo Wto raggiunto a Bali è un risultato storico. Dopo 20 anni, 160 Paesi hanno chiuso un accordo multilaterale sul commercio”. Così il vice ministro allo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, commenta la conclusione della IX Conferenza Ministeriale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc).

“Tutti i membri del Wto, dai Paesi meno sviluppati alle grandi economie mondiali – prosegue il vice ministro – hanno adottato un testo che prevede: un’ampia gamma di misure per facilitare gli scambi commerciali; la possibilita’ per i Paesi in via di sviluppo e meno sviluppati di accumulare derrate alimentari da distribuire ai cittadini più poveri; una serie di misure per aiutare i Paesi meno avanzati a inserirsi nei flussi di commercio mondiale”.

Per le piccole e medie imprese italiane esportatrici, “le misure di facilitazione degli scambi commerciali – osserva ancora Calenda – rappresentano una straordinaria opportunita’ per crescere. Le stime commissionate dal Wto sul potenziale di crescita del Pil mondiale derivante dai capitoli negoziali effettivamente chiusi a Bali, infatti, parlano di un incremento di piu’ di 1.000 miliardi di dollari”. “L’Ue e l’Italia – conclude Calenda – hanno tenuto una posizione di forte supporto al pacchetto presentato, contribuendo alla positiva conclusione del negoziato. E molto del merito del successo va al nuovo DG del WTO Roberto Azevedo, che ha fatto un lavoro davvero straordinario”. (AGI) .

Redazione

Redazione

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.