La ripresa c’è, lenta ma indiscutibile

 La ripresa c’è, lenta ma indiscutibile
La nostra economia continua a dare deboli segnali di ripresa e ad avvicinarsi ai livelli antecedenti il lockdown.

I dati

Aumentano le richieste di mutuo (+28%), prestito finalizzato (+135%) e prestito personale (+25%). Rispetto ai mesi precedenti al lockdown il confronto resta comunque negativo, come del resto facile da pronosticare: mutui a -12%, prestiti finalizzati a -10%, prestiti personali a -26%.
Agosto è un periodo anomalo, collegato alle vacanze e al rallentamento generale delle attività, anche rispetto al mese precedente. I valori rispetto a luglio sono tutti negativi: -9% per i mutui, -21% per i prestiti finalizzati, -12% per i prestiti personali. Più indicativo forse è il confronto tra il mese di agosto 2020 e lo stesso mese dell’anno precedente. Qui si registrano aumenti per mutui (+22%) e prestiti finalizzati (+11%), mentre restano negativi i prestiti personali (-29%).

Il confronto col passato

Se poi si allarga il confronto ai due mesi tipicamente estivi, luglio e agosto, si può notare come nello scorso anno la variazione tra agosto e luglio fosse stata di -28% per i mutui immobiliari e -32% per i prestiti finalizzati. Nel 2020 invece, tra agosto e luglio 2020 il calo è stato sicuramente più contenuto, con un -9% per i mutui e un -21% per i prestiti finalizzati, dato che conferma il trend di risalita per queste due tipologie di finanziamento.
La generazione X (1960-1980) si conferma trainante in relazione a tutti gli strumenti finanziari sopra menzionati. A lei fa riferimento il 47% delle richieste di mutuo, il 48 % delle richieste di prestito finalizzato e il 43% delle richieste di prestito personale.
Le richieste di prestito riferito all’acquisto auto incidono per il 32% sulla totalità delle richieste, in aumento rispetto al mese precedente. La generazione X effettua più richieste, quasi il 45%, rispetto alle altre classi generazionali. La media più alta sull’importo richiesto è detenuta della generazione Y (1981-1995) con un importo medio di 14500 €.

Le dinamiche della clientela

A favorire il progressivo allargamento della platea di chi ha scelto di far ricorso a un finanziamento per sostenere i propri progetti un costo del denaro ai minimi e condizioni di offerta ancora favorevoli associate ad una elevata sostenibilità del debito, con il tasso di default per il credito al dettaglio considerato nel suo complesso che si è attestato all’1,4% contro l’1,6% del 2019. Nel complesso la platea dei consumatori che hanno attivato un mutuo o un prestito è cresciuta ulteriormente ma sempre ponendo attenzione alla sostenibilità degli impegni assunti optando per rate mensili meno pesanti rispetto al reddito disponibile e piani di rimborso più lunghi.

La ripresa

Il mese di agosto conferma nella sostanza i trend crescenti che stiamo notando sul mercato dalla fine del lockdown. La ripresa c’è, lenta ma indiscutibile, e gli indicatori emersi lo mostrano in modo chiaro, anche su un mese tradizionalmente debole per quanto riguarda le attività economiche e finanziarie. Sicuramente positivo è il fatto che alcuni valori si rivelino in crescita nel confronto con lo scorso anno, come è il caso di mutui e prestiti finalizzati. Questo può e deve indurre a un cauto ottimismo, anche se non siamo ancora fuori dall’emergenza.

Francesco Megna

Direttore di Filiale (Retail e Corporate) per oltre 20 anni presso diversi Istituti di Credito. Attualmente Responsabile Commerciale di Hub presso Istituto di Credito di grandi dimensioni.

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.