Microprestito Puglia 2021: un’opportunità per le aziende in difficoltà

 Microprestito Puglia 2021: un’opportunità per le aziende in difficoltà

Sei un imprenditore o lavoratore autonomo pugliese in difficoltà economiche a causa della pandemia di Covid-19?

La Regione Puglia ti offre un’importante opportunità con il “Microprestito Puglia”.

Il Microprestito Puglia è stato adottato per far fronte alle esigenze delle imprese derivanti dalle ripercussioni economiche causate dall’emergenza epidemiologia Covid-19.

Lo scopo della misura consiste nel finanziare imprese “non bancabili”, ovvero imprese che non hanno i requisiti patrimoniali e finanziari per ottenere un finanziamento dal sistema bancario.

Il Microprestito della Regione Puglia sostiene microimprese e lavoratori autonomi iscritti al registro delle imprese nell’accesso al credito.

La misura di sostegno si articola in interventi di micro-finanza che consistono in mutui concessi a tasso zero e senza garanzie.

Il finanziamento potrà essere erogato per un importo tra 5.000 euro e 30.000 euro in virtù del fatturato conseguito nel 2019.

mutui avranno durata massima pari a 60 mesi (più preammortamento della durata di 12 mesi).

Le imprese, in regola con la restituzione del finanziamento, ottengono un contributo pari al 20% dell’importo dello stesso finanziamento sotto forma di abbuono delle ultime 12 rate.

Gli aiuti sono cumulabili con altri eventuali strumenti emergenziali di cui alla Comunicazione della Commissione n. 1863/2020 e successive modifiche e integrazioni.

Il termine della partecipazione all’Avviso è fissato al 31/12/2021 salvo esaurimento risorse.

Chi può partecipare

Le microimprese (meno di 10 addetti compresi i soci) ed i lavoratori autonomi iscritti al registro delle imprese, con sede operativa in Puglia che rispettino le seguenti condizioni:

  • le microimprese devono essere costituite nelle seguenti forme giuridiche: ditta individuale, società in nome collettivo, società in accomandita semplice, società cooperative, società a responsabilità limitata (anche in forma unipersonale e semplificata);
  • aver subito difficoltà economiche in conseguenza dell’epidemia Covid-19 e delle misure di contenimento della stessa (definire confrontando i ricavi conseguiti nei periodi 1° gennaio 2021-30 settembre 2021 e 1° gennaio 2019-30 settembre 2019; al 30 settembre 2021, il confronto deve evidenziare una diminuzione dei ricavi stessi);
  • non aver già beneficiato delle agevolazioni previste dall’Avviso Microcredito Circolante pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia del 4/6/2020 (edizione 2020);
  • non avere protesti in capo alla società, ai soci e agli amministratori;
  • le imprese, nell’esercizio 2019, non devono aver generato ricavi/compensi/fatturato annuali superiori a 400.000,00 €. Se l’esercizio 2019 si è concluso con una perdita, quest’ultima non deve essere stata superiore al 20% del fatturato.

L’elenco dei codici attività ammissibili è riportato nell’Allegato 1 dell’Avviso.

Potranno presentare richiesta di agevolazione anche i soggetti che abbiano già ottenuto un finanziamento del Fondo Microcredito d’Impresa a valere sui precedenti Avvisi (con domanda presentata entro il 3 giugno 2020) e le imprese che abbiano ottenuto le agevolazioni delle misure Nuove Iniziative d’Impresa e Tecnonidi, a condizione che abbiano concluso il programma di investimenti e spese agevolato (avendo inviato tutta la rendicontazione di spesa completa e conforme a quanto previsto negli Avvisi) e che al 31/12/2020 non abbiano più di 3 rate del finanziamento insolute.

Soggetti esclusi

Sono esclusi dalle agevolazioni i soggetti che operano nei seguenti settori:

  1. pesca e acquacoltura che rientrano nel campo di applicazione del Regolamento (CE) 104/2000 del Consiglio;
  2. produzione primaria dei prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato CE;
  3. trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli elencati nell’allegato I del Trattato nei casi seguenti: quando l’importo dell’aiuto è fissato in base al prezzo o al quantitativo di tali prodotti acquistati da produttori primari o immessi sul mercato dalle imprese interessate; quando l’aiuto è subordinato al fatto di venire parzialmente o interamente trasferito a produttori primari;
  4. esportazione verso paesi terzi o Stati membri, o ad altre spese correnti connesse con l’attività di esportazione;
  5. carboniero ai sensi del Regolamento (CE) n. 1407/2002;
  6. trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi limitatamente agli aiuti destinati all’acquisto di veicoli;
  7. costruzione navale;
  8. siderurgia, così come definito nell’allegato B della disciplina multisettoriale degli aiuti regionali destinati ai grandi progetti d’investimento di cui alla Comunicazione numero C (2002) 315, pubblicata nella G.U.C.E. C70 del 19.3.2002;
  9. fibre sintetiche.

Sono inoltre escluse dall’accesso alle agevolazioni le imprese che operano nei seguenti settori:

  1. fornitura e produzione di energia, acqua e gestione di reti fognarie;
  2. attività riguardanti le lotterie, le scommesse e le case da gioco;
  3. attività di organizzazioni associative.

Cosa finanzia

Spese di funzionamento: costi derivanti dalla gestione dell’attività d’impresa sostenuti (pagati) in data successiva alla partecipazione all’Avviso pubblico ed entro 12 mesi dall’erogazione delle agevolazioni.

A titolo esemplificativo, le spese di funzionamento sono comprensive di: materie prime, servizi, canoni di locazione, utenze, lavoro/personale, scorte e spese generali, rimanenze di materie prime sia sussidiarie, sia di consumo che di merci, liquidità per finanziare crediti commerciali e vendite all’ingrosso, acquisto di dispositivi individuali di protezione.

Contributo massimo per progetto

L’agevolazione concedibile non potrà essere superiore ad € 30.000 e sarà:

  • pari ad € 30.000 per le imprese che abbiano avuto ricavi/compensi/fatturato compresi tra € 120.000 ed € 400.000 nell’esercizio 2019;
  • pari al 25% dei ricavi/compensi/fatturato dell’esercizio 2019, per le imprese che abbiano avuto ricavi/compensi compresi tra € 40.000 ed € 120.000 nell’esercizio 2019;
  • pari ad € 10.000 per le imprese che abbiano avuto ricavi/compensi/fatturato compresi tra € 20.000 ed € 40.000 nell’esercizio 2019;
  • pari ad € 5.000 per le imprese che abbiano avuto ricavi/compensi/fatturato inferiori ad € 20.000 nell’esercizio 2019 e per le imprese che, avendo avviato l’attività successivamente al 1° gennaio 2019, non possono dimostrare la riduzione di fatturato dal 2019 al 2021 e non hanno superato € 20.000 di ricavi nei primi nove mesi del 2021.

Maurizio Maraglino Misciagna

https://www.mauriziomaraglino.it/

Dottore commercialista e revisore legale. Giornalista  pubblicista. Esperto in finanza innovativa e startup. www.mauriziomaraglino.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.