Proprietà industriale, aperta la consultazione

 Proprietà industriale, aperta la consultazione

Sono da oggi on line per la consultazione pubblica le “Linee di intervento strategiche sulla proprietà industriale per il triennio 2021-2023”. Fino al 31 maggio 2021 è possibile inviare il proprio contributo.

La riforma del sistema della proprietà industriale è riportata all’interno della Missione 1 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, approvato dal Consiglio dei Ministri.

Lo scorso 25 novembre la Commissione europea ha adottato il “Piano di azione sulla proprietà intellettuale per sostenere la ripresa e la resilienza dell’UE”. Il Piano si chiude con l’invito rivolto agli Stati membri a formulare le loro politiche e strategie nazionali in linea con gli obiettivi indicati e a rendere prioritari il rafforzamento della protezione e dell’applicazione della proprietà intellettuale nei loro sforzi volti a garantire la ripresa economica.

Il Ministero ha raccolto l’invito della Commissione europea ritenendo utile l’elaborazione di un documento strategico a guida dell’azione di governo in un settore di rilevante importanza nazionale.

Il testo predisposto viene sottoposto a consultazione pubblica per ampliarne a arricchirne il contenuto con l’obiettivo di migliorare e valorizzare il sistema della proprietà industriale, che rappresenta un elemento centrale della politica industriale del nostro Paese.

Con la pubblica consultazione si intende acquisire da tutti i soggetti interessati osservazioni e commenti che dovranno necessariamente essere inviati via mail, entro il termine del 31 maggio 2021, alla casella di posta elettronica appositamente creata: strategiaPI@mise.gov.it

Nei documenti da inviare alla suddetta casella di posta, si prega di esporre le osservazioni ed i commenti ovvero le proposte di modifica indicando puntualmente i paragrafi numerati (es: 1.1) delle linee strategiche ai quali si riferiscono.

Documenti

Fonte: Mise

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.