STUDI CONFARTIGIANATO – Edilizia e superbonus 110% driver della ripresa: +10,1% valore aggiunto costruzioni rispetto pre Covid

 STUDI CONFARTIGIANATO – Edilizia e superbonus 110% driver della ripresa: +10,1% valore aggiunto costruzioni rispetto pre Covid

Le previsioni dell’Ocse pubblicate la scorsa settimana indicano per il 2021 una crescita dell’economia italiana del 5,9% e del 4,1% nel 2022, trainata da investimenti (+15,9% nel 2021 e +8,7% nel 2022) ed esportazioni (+12% nel 2021 e +7,1% nel 2022).

La ripresa degli investimenti è già in corso – sostenuta dagli incentivi fiscali – e sta determinando un più che completo recupero dei settori delle costruzioni e della digital economy. Nel primo semestre del 2021 il valore aggiunto del totale economia è inferiore del 4,8% livello pre-crisi del primo semestre del 2019, mentre si registra un rilancio per le costruzioni, il cui valore aggiunto sale del 10,1% rispetto ai livelli pre-Covid e per i servizi di informazione e comunicazione che segnano un progresso del 7,9%. Nel confronto internazionale, la performance dell’edilizia italiana è di gran lunga superiore a quella della Germania (+0,8%) ed è in controtendenza rispetto al ritardo di Francia (-5,8%) e Spagna (-17,8%). Ad agosto 2021 i giudizi delle imprese sull’attività delle costruzioni sono ai massimi dal maggio 2003.

Il superbonus del 110%, anche grazie alle semplificazioni introdotte lo scorso 31 maggio con il Decreto Legge 77/202, sta sostenendo la domanda di manutenzione degli immobili. Nel secondo trimestre del 2021 la quota di consumatori che indicano certa o probabile una ristrutturazione della propria abitazione raggiunge il massimo storico del 22,9%.

Secondo il report sul super ecobonus del 110% dell’Enea e del Ministero della transizione ecologica, al 31 agosto 2021 le asseverazioni sono 37.128, il totale degli investimenti ammessi a detrazione ammonta a 5.685 milioni di euro, mentre quelli relativi a lavori conclusi ammessi a detrazione sono pari a 3.910 milioni di euro.

L’analisi dei dati su base territoriale evidenzia che gli investimenti su lavori conclusi ammessi a detrazione sono pari al 5,7% del valore aggiunto delle costruzioni, con una maggiore accentuazione per il Mezzogiorno, dove la quota sale al 7,6%, davanti al Centro con il 6,2%, al Nord Est con 5,4% e al Nord Ovest con il 4,2%.

Si inverte una tendenza che, nell’arco del decennio 2011-2019, ha registrato nel Mezzogiorno un rapporto tra detrazioni incentivi fiscali e valore aggiunto delle costruzioni dimezzato rispetto alla media nazionale. L’utilizzo degli incentivi fiscali, inoltre, favorisce il contenimento del fenomeno del sommerso nell’edilizia: nelle regioni meridionali la quota di lavoro irregolare nelle costruzioni è del 24,5%, pressoché doppia rispetto il 13% del Centro-Nord.

Effetti indotti dalla ripresa delle costruzioni – Si assiste anche un ritorno alla crescita delle start-up di impresa: nei primi otto mesi del 2021 le nuove iscrizioni di imprese delle costruzioni sono del 6,5% superiore allo stesso periodo del 2019, in contro tendenza rispetto al -16,1% della manifattura e al -7,0% dei servizi.

La domanda delle costruzioni genera un significativo traino sulla produzione di manufatti per l’edilizia che, nei primi sette mesi del 2021, risulta dell’8,4% superiore allo stesso periodo del 2019, a fronte di un ritardo del 2,2% registrato nella media della manifattura.

La ripresa in corso si riverbera anche sulla domanda di lavoro delle imprese dell’edilizia. Nei primi sei mesi del 2021 si sono realizzate 719 mila assunzioni nette, il 12,2% in più rispetto allo stesso periodo del 2019, con una marcata accentuazione nelle costruzioni, dove salgono del 57,6%. Le costruzioni sono il comparto che registra il maggiore aumento di posti di lavoro creati, con 33 mila assunzioni nette in più rispetto al primo semestre del 2019 (+57,6%), a fronte dei 25 mila in più degli Altri servizi e dei 21 mila in più del Commercio.

Con la crescita della domanda, sale la difficoltà di reperimento del personale che ad agosto 2021 arriva al 44,5% delle entrate di operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici, oltre nove punti superiore al 35,3% di un anno prima e risultando ampiamente superiore al 39,7% della media degli operai specializzati.

Prevale la domanda di lavoro stabile e qualificata. Il 91,5% delle entrate nelle costruzioni si riferiscono a personale dipendente, superiore all’86,8% dei servizi e al 79% della manifattura, mentre la quota di ingressi di personale generico si limita al 7%, una quota dimezzata rispetto al 14,5% della media di tutti i settori.

I rischi – Gettano un’ombra sulla ripresa dell’edilizia l’escalation dei prezzi e la scarsità delle materie prime: a giugno 2021 i costi delle commodities non energetiche salgono del 39,1% su base annua mentre le attese sui prezzi delle costruzioni ad agosto 2021 balzano ai massimi da settembre del 2004, mentre l’attività di quasi una su dieci (9%) è ostacolata dalla difficoltà di reperimento delle materie prime.

L’analisi sul superbonus nella rubrica curata dall’Ufficio Studi Confartigianato in QE-Quotidiano Energia

Interventi superbonus 110% in rapporto al valore aggiunto costruzioni per regione

31 agosto 2021, investimenti ammessi a detrazione relativi a lavori conclusi  in % valore aggiunto costruzioni del 2019 – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Enea e Istat

Valore aggiunto settoriale in Italia: secondo trimestre 2021 rispetto al livello pre-crisi

Var. % rispetto quarto trimestre 2019, dati destagionalizzati – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat


Valore aggiunto Costruzioni: secondo trimestre 2021 rispetto al livello pre-crisi nei maggiori paesi Ue

Var. % rispetto quarto trimestre 2019, dati destagionalizzati – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat

Redazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.